Cinema, Eli Roth a Ischia con la sua battaglia per gli squali: premiato il regista cult Usa

Lunedì 26 Luglio 2021
Cinema, Eli Roth a Ischia, la sua battaglia per gli squali: il regista cult Usa premiato

«Questa volta l' horror è reale», così parla Eli Roth, regista, attore e produttore statunitense di culto che ha scelto l'Ischia Global Film e Music Festival per presentare, eccezionalmente sul grande schermo, il suo 'FIN - la Mattanza degli squali' (disponibile su Discovery plus), in un momento in cui i temi ambientali sono sempre più al centro del dibattito politico e sociale.

Leonardo DiCaprio e Nina Dobrev sono tra i produttori esecutivi di un opera sconvolgente che denuncia il massacro e l'imminente l'estinzione degli squali, animali che Roth definisce 'timidi e intelligenti' oltre che indispensabili per l'equilibrio dell'ecosistema marino. «Tra dieci anni potrebbe essere troppo tardi, i nostri figli meritano un mare migliore», dice. 

 

CINEMA&STORIA Aquileia si trasforma in set cinematografico 

 

Il film è stato premiato con il Docu Ischia Award al festival prodotto da Pascal Vicedomini che dedica proprio alla salvaguardia del mare la sua 19edizione, in partnership con l'associazione Marevivo. «E pensare che da ragazzino ero terrorizzato dagli squali - racconta Roth che firma la regia di FIN e si dice intenzionato a continuare a trattare l'argomento in una serie tv - sono nato a Boston, vicino ai luoghi dove fu girato il film di Spielberg, come tanti bambini in quegli anni rimasi impressionato. Proprio per combattere questa paura in seguito ho voluto leggere e informarmi. Scoprendo cose pazzesche. E quando per realizzare il film mi sono trovato a tu per tu sott'acqua con loro la mia prospettiva è immediatamente cambiata. Questa specie così utile agli oceani è minacciata, uccidiamo 100 milioni squali l'anno, undicimila al giorno. E senza un motivo se non il consumo e l'uso delle loro pinne, che oltretutto sono insapori. Anche la loro carne è avvelenata , con livelli di mercurio più alti del 32 per cento del consentito. Attorno a questa mattanza c'è un' industria immensa speso illegale. Come possiamo fermare tutto questo? Il film è uscito da una settimana e qualche cosa sta iniziando a muoversi, oggi tutti possiamo mobilitarci grazie al social network. E poi cercare di cambiare le cose anche con i comportamenti, smettendo di comprare, come abbiamo fatto per l'avorio, prodotti realizzati con le cartilagini di squalo, utilizzate anche per i cosmetici».

 

Cinema, MiX il Festival Internazionale Lgbtq+ e cultura queer: dal 16 settembre a Milano

Ultimo aggiornamento: 27 Luglio, 10:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA