BLOG
Modi e Moda di Luciana Boccardi

Giusy Moretti scrive la storia delle
murrine in un grand foulard di seta

 
“In principio fu una scatola, con dei piccoli vetri rotondi molto colorati regalati a una bambina che ne fece la sua personale di fiabe: erano fiori, animali, volti di personaggi d’epoca”. Comincia così’ quella che per Giusy Moretti si rivelerà la fiaba della sua  vita. Perché quella bambina era  lei, l’artista  che con quei  “giocattoli” di vetro  assemblati a oro,  platino, alle  pietre più preziose inventò  gioielli unici, autentiche “fiabe”  di vetro : anelli, orecchini, spille, bracciali, fermacravatte , oggetti  da indossare,  in oro, murrina e  brillanti, zaffiri, ametiste, perle, turchesi, rubini, preziosi di ogni razza,  che oggi  i grandi musei  (tra i quali  il Met di New York) ospitano come esemplari  di particolare rarità  e  bellezza.
Figlia di un famoso maestro vetraio, nipote e pronipote di altrettanto famosi maestri del vetro di Murano , Giusy realizzò presto che quei  vetrini  altro non erano se non residui  di murrine realizzate  per Antonio Salvini dal bisnonno,  Vincenzo Moretti che nella seconda  metà dell’Ottocento  -  dopo secoli di silenzio nella produzione di murrine -   riscoprì le modalità  della lavorazione  alessandrina ed  ellenica. Un segreto che  venne trasmesso da Vincenzo al figlio Luigi che lo trasmise al figlio Ulderico che  avrebbe lasciato in eredità alla figlia quei “vetrini”  che, accoppiandoli a preziosi di  grande pregio, l’arte di Giusy avrebbe trasformato in gioielli magici .
Oggi,  Giusy Moretti ,  che vive nel Veneziano con i suoi ricordi muranesi, ha sentito il bisogno di “scrivere”  la storia del vetro-murrina e della sua  intera produzione preziosa, sulla seta,  un quadrato di seta lucida, con un metro e venti di lato,  nel quale con i  colori più accesi, sono riprodotte,  accanto ai  volti dei vari maestri che si sono succeduti  nella famiglia del vetro, tutte le immagini che le hanno suggerito  i famosi gioielli, da quelle dei personaggi del tempo (Cristoforo Colombo, Garibaldi, Vittorio Emanuele II°, Umberto I°,  Papa Leone XIII, Francesco Giuseppe) ai  galletti del 1926  che suo padre,  Ulderico Moretti, realizzò  quando IL comune di Murano venne accorpato a quello di Venezia perdendo la sua identità territoriale.  Un fatto che incise psicologicamente sulla popolazione di Murano tanto da suggerire al maestro vetraio -  che con il vetro continuava a raccontare la cronaca del suo tempo -  di  fissare  in murrina l’immagine simbolo di Murano, il galletto, proposto ora con una zampina sollevata, ora con la zampa a terra, ora collo ritto e  testa alta a significare la fierezza dell’isola. E oggi come uno dei gioielli più preziosi di Giusy.
Dove si potrà vedere, fotografare, comprare? Dopo un tour nei Musei entrerà nelle collezioni preziose di Giusy Moretti. Il prezzo? per ora sconosciuto.
E' la fiaba del vetro su seta  che racconta il sogno lontano della bambina di Murano la cui immagine bella e  ironica  sorride nel  grand foulard .
 
 

Sabato 12 Maggio 2018, 01:14
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
POST
pubblicato ilVenerdì 19 Ottobre 2018, 19:25
pubblicato ilVenerdì 19 Ottobre 2018, 19:09
pubblicato ilMercoledì 17 Ottobre 2018, 19:23
pubblicato ilVenerdì 5 Ottobre 2018, 13:34
pubblicato ilVenerdì 28 Settembre 2018, 21:45
pubblicato ilMartedì 18 Settembre 2018, 07:36
pubblicato ilSabato 15 Settembre 2018, 20:15
pubblicato ilVenerdì 14 Settembre 2018, 07:41
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER