BLOG
Modi e Moda di Luciana Boccardi

Draghi, Fenici, Fate, Ao Dai, in arrivo
dal Vietnam per la moda 2018

La moda della prossima primavera-estate 2018 sarà la conferma di una serie di ispirazioni esotiche, indirizzi di costume soprattutto voli all’interno di culture diverse: sintesi di una  globalizzazione che nella moda si è espressa con segnali   etnici non più solo  accennati ma con la proposta di abiti che in realtà sono quasi la riproduzione di mode lontane. Saccheggiata ormai la cultura araba  con l’uso dei caftani che è diventato una moda “di casa nostra” , sostenuta da  personaggi dall’eleganza indiscussa (ricordiamo tra molte l’indimenticabile Marta Marzotto  che – con l’apporto sartoriale della stilista etnica per eccellenza, Giuliana Cella -  ne aveva fatto l’unico trend accettato per il suo  elegantissimo prezioso guardaroba) , la fantasia degli stilisti si è “appoggiata” a proposte messicane , vedi una “Frida Kahlo” firmata da Les Copains,  le  geishe-rock   di Byblos , il Messico di Alberta Ferretti,  l’Africa nera di Missoni,   boho-chic per Cavalli, il gipsy-mood di Etro o il folk orientale di Stella Jean.   Dall’Oriente infatti arrivano oggi i messaggi più significativi, con  la suggestione di costumi che restano  attualissimi e indossasti quotidianamente (non solo considerati  “costume nazionale”) in paesi dove la tradizione si impone al di sopra di ogni moda e tendenza occidentale.
La più redente suggestione della moda è il costume vietnamita:  quel particolarissimo abito (l’ Ao-Dai) che accompagna la silhouette femminile senza sottolinearla, anzi,  lasciandola intuire libera di muoversi nel tradizionale costume fatto di pantaloni larghi, lunghi, e una tunica sbieca e aderente che si sovrappone aprendosi in due spacchi che vanno del punto vita fino a terra. Un modo per rendere agevole ogni movimento e allo stesso tempo un dettaglio di estrema femminilità. In tessuti coloratissimi, con contrasti di toni che evocano assemblaggi d’arte , l’Ao Dai rispetta varie lunghezze secondo la tradizione del territorio. La tunica, decorata con ricami che presentano draghi e figure sognanti  è  lunga fino alla caviglia nella zona nord di Hanoi; si ferma  al ginocchio nel Vietnam del Sud (Hue) mentre nel centro del Paese  (Saigon) si arresta al polpaccio in una lunghezza midi  che rende questo costume un abito metropolitano bellissimo e a suo modo moderno. Bianco o in colori pastellati per le giovani,  viene realizzato in tinte forti per le donne sposate.
All’inizio di quest’autunno, a Venezia, nello spazio interessante di Forte Marghera,  si è svolta  la presentazione di una sfilata di Ao-Dai realizzati dalla Maison  di moda vietnamita Lam Huong, come proposta tra le più interessanti di costume e di moda organizzata dall’Associazione Italia-Vietnam nelle giornate della cultura vietnamita a Venezia nelle cui espressioni figurava l’interessante conversazione sulla “Festa del leone, del Drago e della Fata”,  svolta da  Don Natalino Bonazza con  il prof. Tran Thanh Quyet, moderati da Vittorio Pierobon.
In Vietnam , il  drago, chiamato Con Rong  (o più letteralmente Con Long),  dotato di poteri sovrannaturali come l’immortalità, è il  simbolo ufficiale del Paese. Scolpito, dipinto,  ricamato, stampato su tessuti e paramenti è  garanzia di  giustizia,  nobiltà,  potere.  Nel quotidiano vissuto è la metafora della figura maschile nel ruolo di padre, marito, il protettore della famiglia,  mentre la donna viene simboleggiata  con l’immagine di una fenice. Una fenice dai colori violenti  disegnata su un Ao Dai  accanto a un drago è sinonimo augurale per una coppia felice.

 

Domenica 22 Ottobre 2017, 01:11
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
POST
pubblicato ilMartedì 21 Novembre 2017, 11:52
pubblicato ilDomenica 19 Novembre 2017, 00:48
pubblicato ilVenerdì 17 Novembre 2017, 18:28
pubblicato ilLunedì 13 Novembre 2017, 18:30
pubblicato ilVenerdì 10 Novembre 2017, 01:44
pubblicato ilDomenica 5 Novembre 2017, 02:23
pubblicato ilGiovedì 2 Novembre 2017, 02:05
pubblicato ilLunedì 16 Ottobre 2017, 19:47
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER