BLOG
Modi e Moda di Luciana Boccardi

Chiude l'Alta Moda a Parigi e ha
inizio la rassegna di Altaroma

 
Tra uno scroscio di applausi è scoppiato il successo della sfilata Valentino con l’ovazione che ha accolto lo stilista, Pier Paolo Piccioli incoronato anche come grande interprete dei sentimenti che fanno vivere un atelier dove non esistono solo piume e tessuti, paillettes e Swarovsky ma tanta umanità, il lavoro di mani che accudiscono le creature che diventano opere d’arte acclamate in passerella senza che nessuno mai sappia come nascono e da chi sono state realizzate. Piccioli ha deciso di dare corpo a questi fantasmi benefici e ha chiamato ogni abito con il nome della sarta che l’ha avuto tra le mani. 85 tra sarte e sarti che il pubblico finalmente ha potuto applaudire . Irene, Floriana, Alessio, Carmela..  la commozione si è aggiunta all’entusiasmo per la bellezza e l’eleganza delle creazioni applaudite anche da Valentino Garavani presente alla sfilata accanto a Donatella Versace che ha dichiarato : “questa è vera alta moda”.   Tra le firme che hanno riscosso consensi importanti a Parigi , Antonio Grimaldi, Giambattista Valli, Elie Saab con la sua moda che veste il mondo arabo del lusso (…ma non solo) , Franck Sorbier, e John Galliano per Maison Margiela.
 Oggi a Roma prende il via la kermesse di Altaroma  tra gli spazi del Guido Reni District e le locations romane più prestigiose.  In calendario mostre, talk show (previsto un incontro con Maria Grazia Chiuri),  un progetto di scouting che da anni vede Altaroma in prima fila a sostegno dei giovani talenti.
In apertura di Rassegna,  Camillo Bona, grande firma della haute couture italiana e, tra le griffes  più attese ,  Renato Balestra  (il maestro che tiene alta la grande tradizione couture) , Sabrina Persechino  (… sulla via dell’ambra) , Gattinoni, Lettieri, Francesco Scognamiglio che concluderà la settimana della moda con la celebrazione dei suoi vent’anni di attività  presentando la collezione che ottenne grande successo a Parigi. Occasioni di proposta sono riservate a creativi come Anton Giulio Grande, Abed Mahfouz, Marina Corazziari.  Grande assente -  tra i nomi che hanno fatto grande l’alta moda italiana nel mondo – Raffaella Curiel ( passata a dominio cinese ma sempre attivissima nella haute couture).
Presentazioni interessanti sono previste da parte delle più importanti scuole di moda:  Accademie, IUAV,  
Tra gli eventi attesi  la capsule couture di   un giovanissimo emergente , Filippo Laterza,   il cui talento è già stato apprezzato dalla critica nazionale e internazionale. Il  giovanissimo stilista pugliese gioca su una cultura stilistica che si muove - non sappiamo se consapevolmente o meno – sul filone intellettuale e artistico che accompagnò la Schiap degli anni Trenta lasciandosi sedurre da abiti –costume che vogliono regalare  fascino  a donne di carattere estremo, femmine regine, dee pagane e donne regali, femmine bellissime e “velenose”: le sirene del Terzo Millennio.
 

Giovedì 25 Gennaio 2018, 02:14
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
POST
pubblicato ilVenerdì 9 Novembre 2018, 14:37
pubblicato ilVenerdì 2 Novembre 2018, 19:11
pubblicato ilSabato 27 Ottobre 2018, 18:14
pubblicato ilVenerdì 19 Ottobre 2018, 19:25
pubblicato ilVenerdì 19 Ottobre 2018, 19:09
pubblicato ilMercoledì 17 Ottobre 2018, 19:23
pubblicato ilVenerdì 5 Ottobre 2018, 13:34
pubblicato ilVenerdì 28 Settembre 2018, 21:45
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER