BLOG
Modi e Moda di Luciana Boccardi

"60 anni di moda italiana" a Mosca:
una mostra che premia l'eleganza

Momento solenne,  sottolineato dalla presenza di altissime autorità nel museo di Arti  Applicate e Decorative di Mosca, e una presenza italiana  prestigiosa per  l’inaugurazione  della Mostra “60 anni di Made in Italy”, promossa - sotto il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia in Russia  -  dall’Istituto Italiano di Cultura . Con la direttrice del Museo , Elena Titova, il Ministro Consigliere  dell’Ambasciata d’Italia a Mosca,  Guido De Sanctis, il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Mosca, Olga Strada, oltre alle curatrici della Mostra , Fiorella Galgano e Alessia Tota  Obbiettivo dell’iniziativa la diffusine non solo dello stile e del gusto italiano ma anche la cultura estetica che attraverso la moda l’Italia ha contribuito a formare in Europa e nel mondo.
Più di cinquanta  pezzi  d’autore, abiti e accessori firmati dalle griffes più famose di questi ultimi sessant’anni hanno parlato il linguaggio di un’eleganza che oggi suona quasi come racconto di  una cultura classica che non vorrebbe scomparire ma che il nuovo corso della bellezza, democratizzata con cedimenti prima mai immaginati, fa apparire come opere classiche da ammirare e studiare  senza  tentare contrapposizioni o riferimenti. In sequenza sono esposti abiti  indossati nei più famosi red carpet da dive, celebri top model, abiti iconici creati per il cinema internazionale, modelli applauditi nel corso di grandi indimenticabili sfilate. Il meglio della produzione italiana  d’Alta Moda racconta 60 anni di creatività con la firma di stilisti eccellenti tra i quali Renato Balestra, con l’irrinunciabile blu eletto colore bandiera per la sua moda. Raffaella Curiel,  la signora dell’eleganza “  milanese  e  la sua predilezione per una moda metropolitana  che ha regalato i più bei tailleurs come chiave di lettura per la  moda femminile. Marella Ferrera, una stilista siciliana che ha scavato nella  cultura estetica  della sua isola raccogliendo i suggerimenti più suggestivi riportati  in abiti  e proposte moda superbe. Fendi,  presente nell’esposizione con uno splendido scialle di seta grigia bordato interamente di fiori di zibellino grigi e rosa. Le sorelle Fontana, Egon von Furstenberg e la sua moda orgogliosamente essenziale. Non potevano mancare i pigiama palazzo di Irene Galitzine, Lancetti, Gai Mattiolo, Marras e le sue intuizioni di “costume” esaltanti una Sardegna colta e sconosciuta. Grandi firme come Fausto Sarli e la sua moda creativa, Franco Ciambella, Roberto Capucci, maestro di alta sartoria d’arte, Shubert, Valentino e alcuni pezzi d’epoca di Bonfanti   (prestati dall’archivio di Isabella Rossini).  Per il pret-à-porter italiano di questi ultimi sessant’anni presenti nella Mostra   del Museo  moscovita abiti di   Giorgio Armani (un tailleurs da gran sera che racconta tutta la filosofia di eleganza del grande maestro), Emilio Pucci, Laura Biagiotti, Roberta di Camerino ( nella mostra si propone con la famosissima borsa “Bagonghi” portata da Grace Kelly nella foto di copertina di un numero de “L’Europeo”) , Cavalli, Coveri, Dolce & Gabbana, Etro,  Salvatore Ferragamo, Gianfranco Ferrè  ( ovvero l’architettura affidata al tessuto) , Gucci, Krizia, Max Mara, Missoni, Moschino (e la sua moda irridente  intrisa di saporosa ironia). Scervino, Prada, Pajaro, Versace. Non solo moda femminile a Mosca, ma una presenza ambita come Brioni affidata anche alla presentazione di un libro sul famoso sarto italiano  a cura della figlia, Gigliola Savini.
Una storia completa del gusto italiano, non solo del modo di vestire ma del modo di vivere attraverso forme, volumi, dettagli, colori che con questa importante rassegna possono considerarsi   il  “ libro della  moda di questi ultimi sessant’anni di vissuto.
L’esposizione resterà aperta al pubblico  nel museo moscovita fino al prossimo 15 settembre.

 

Venerdì 2 Agosto 2019, 16:21
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
POST
pubblicato ilSabato 16 Novembre 2019, 19:20
pubblicato ilSabato 9 Novembre 2019, 02:18
pubblicato ilSabato 26 Ottobre 2019, 18:47
pubblicato ilDomenica 20 Ottobre 2019, 11:13
pubblicato ilVenerdì 18 Ottobre 2019, 20:14
pubblicato ilVenerdì 11 Ottobre 2019, 11:47
pubblicato ilVenerdì 4 Ottobre 2019, 15:21
pubblicato ilGiovedì 26 Settembre 2019, 22:05
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER