Neve a Venezia, nevischio e bora a Trieste
A4, chiusi i caselli di ingresso alla A13

PER APPROFONDIRE: a13, bora, caselli, freddo, maltempo, nevischio, venezia, vento
La bora spazza piazza Unità d'Italia a Trieste (Ansa)
VENEZIA - Vento di bora e fine nevischio hanno interessato Venezia e l'entroterra nella prima mattinata, in una giornata dalle temperature molto rigide e con cielo grigio. Solo in tarda mattinata - e limitatamente ad alcune zone del Veneto - iniziato a nevicare, in particolare l'area sud-orientale, da Mestre a Padova e in modo più deciso in Polesine. Solo un leggero velo bianco per ora sui tetti e sul terreno. Così è anche a Venezia, dove la neve leggera è spazzata da un forte vento di bora.



Le uniche limitazioni alla viabilità sono dovute quindi alle nevicate in atto nelle regioni vicine, come l'Emilia Romagna. Per questo sull'autostrada A4 rimangono chiusi i caselli di ingresso alla A13 Padova-Bologna.



Una corriera di linea della Sita è uscita di strada, capovolgendosi in un fossato, stamane nei pressi di Porto Tolle (Rovigo), a causa del fondo stradale viscido per la neve. Nessuna conseguenza per le tre persone a bordo, il guidatore e due passeggere, sorelle studentesse di 18 e 16 anni. In loro soccorso sono intervenuti gli agenti del Commissariato di polizia di Porto Tolle. Le giovani sono state aiutate dai poliziotti ad uscire dal fianco inclinato dal pullman attraverso un finestrino. Uscite di strada nello stesso punto, tra Ca' Vendramin e Porto Tolle, anche per un'auto ed un furgone, sempre senza conseguenze per gli occupanti. A rendere difficile la circolazione stamane, oltre alla nevicata, anche un forte vento di bora.



Nel Polesine tocca ai carabinieri. Dalle 8 di stamani, I carabinieri di Adria, attraverso una ventina di pattuglie con 50 militari è sono impegnati nelle operazioni di soccorso pubblico e gestione viabilità connesse all'emergenza neve. Sulla scorta del piano prevenzione neve della Prefettura di Rovigo, i militari stanno impegnando ogni risorsa per le problematiche della viabilità interna del Basso Polesine, e della statale Romea dove si stanno appunto registrando i maggiori problemi. Ai mezzi pesanti (superiori a 3,5 t), è stato interdetto il transito in direzione Emilia-Romagna, circolazione in senso inverso, invece, al momento consentita. I veicoli pesanti in questione sono stati fatti convogliare, per questioni di sicurezza, nelle «aree» individuate a tavolino per tale esigenza e precisamente: area di parcheggio, sita nel Comune di Porto Viro (Rovigo), antistante l'esercizio commerciale "Il Patio Arredamenti", con una a capienza di circa 70/80 veicoli industriali; l'area nel Comune di Rosolina retrostante il centro commerciale "IperLando" e piazzale di via dell'Artigianato, avente una capienza di circa 40/50 veicoli industriali. Al momento, si registra un solo sinistro stradale di rilievo a Ponte Molo comune di Porte Tolle (Rovigo), dove una corriera si è ribaltata ed è finita in un fossato.



Bora molto forte sulla costa a Trieste che stamattina si è svegliata per la prima volta dall'inizio della stagione invernale, sotto un piccolo strato di nevischio. Una breve nevicata, cominciata intorno alle 6, si è interrotta tre ore più tardi senza creare particolari disagi. È bastata, però, a far divertire i ragazzi a lanciarsi palle di neve nella centrale piazza Unità d'Italia. La temperatura è scesa rispetto ad alcuni giorni fa e si aggira intorno allo zero oscillando da meno tre a più due gradi.



La forte Bora che soffia da stamani su Trieste ha causato lo scoperchiamento di un'ex fabbrica, che ha causato la chiusura al traffico in una zona centrale della città. Si tratta dell'ex "Saul Sadoch", edificio abbandonato da anni che si trova nei pressi dell'Ippodromo cittadino, nel viale omonimo. Il materiale strappato dal vento - che ha raggiunto raffiche intorno ai 120 chilometri all'ora - è caduto sulla carreggiata, un'importante arteria che collega il centro con la Grande viabilità triestina, che è stata chiusa al traffico.



Il Comune di Trieste informa che, in considerazione delle particolari avversità delle condizioni climatiche, è attivo 24 ore su 24 il numero 040-366111 del Centro radio della Polizia Municipale per le emergenze. Nel corso di stamani la situazione in città - costantemente seguita e monitorata grazie all'attivazione della 'Sala Operativa Emergenze' con la presenza di personale di collegamento Acegas e Trieste Trasporti - è stata «complessivamente buona», secondo il Comune. Intanto, i cittadini si sono già approvvigionati per tempo delle scorte di sale messo a disposizione dal Comune negli appositi centri di distribuzione.



Secondo le previsioni, se nell'arco della giornata smetterà completamente di nevicare, aumenterà la forza della bora con raffiche che nel pomeriggio e in serata potrebbero arrivare fino a 130 chilometri orari. Per il fine settimana è previsto un ulteriore calo della temperatura, tra i meno sette e i meno quattro gradi. Bisogna risalire al 1996 e al 1985 per un tale gelo. Sul resto della regione, freddo come da stagione con vento forte e cielo coperto; in vetta nel Tarvisiano si registrano, come consueto, fino a meno 19 gradi.



Treni. Circolazione regolare in Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Nevica moderatamene solo a Trieste, ma senza conseguenze sul traffico ferroviario. Rallentamenti sulla linea Verona - Modena con ritardi dei treni regionali fino a 20 minuti, per la nevicata in atto fra Soliera e Modena.

Mercoledì 1 Febbraio 2012, 11:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Neve a Venezia, nevischio e bora a Trieste
A4, chiusi i caselli di ingresso alla A13
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti