Spaventato da un Border Collie,
cacciatore lo uccide a fucilate

​Spaventato da
un Border Collie
cacciatore lo uccide
con 2 colpi di fucile

di Paola Treppo

SAN DANIELE DEL FRIULI (Udine) - Spaventato dall’improvvisa “apparizione” di un cane che non conosceva, un Border Collie, un cacciatore gli ha sparato due colpi di fucile e l’ha ucciso. È successo a San Daniele del Friuli, nella località del “Tiro a segno”, dove il 51enne, del posto, stava cacciando.







A un certo punto ha visto il Border Collie, "Adamas" venire verso di lui e, spaventato, ha mirato e lo ferito a morte. Il padrone della bestiola, un 50enne della zona, ha chiamato i carabinieri che hanno identificato il responsabile. L’uomo è stato denunciato a piede libero per aver causato la morte del cane.



A raccontare la triste vicenda è Berin Lepic, il padrone della povera bestiola, a nome di tutta la sua famiglia. «Un fatto orribile. Mio padre stava passeggiando con Adamas, un border collie di due anni e mezzo, bianco e blue, nei campi vicino a casa nostra. Era su un sentiero che si apriva in una radura, Adamas pochi metri davanti a lui, quando ha sentito uno sparo, seguito dai gemiti disperati del nostro piccolo. Ha iniziato a correre verso di lui, e ha visto un cacciatore che stava puntando il fucile, a distanza ravvicinata. Mio padre, disperato, gli ha urlato di fermarsi, ma questo ha sparato un secondo colpo, finendo il nostro cucciolo. Mio padre disperato si è buttato in ginocchio cercando di capire se Adamas fosse ancora vivo, mentre il cacciatore si è rimesso il fucile in spalle e ha iniziato ad andare via come se nulla fosse.



Allora mio padre gli è corso dietro, chiedendogli perchè l'avesse fatto, e per tutta risposta quel cacciatore gli ha urlato "ma vaff...!" continuando ad allontanarsi. Mio padre disperato ha chiamato me e mio fratello, perchè intervenissimo in soccorso e chiamassimo i carabinieri. Siamo saliti in auto e nel giro di due minuti eravamo sul posto. Avevo ancora le pantofole addosso, non avevo nemmeno messo un paio di scarpe.



Io e mio fratello ci siamo messi di fronte al cacciatore, dicendogli che non poteva andarsene finchè non fossero arrivati i carabinieri. Questo, col fucile ancora chiuso sulle spalle, ha fatto il gesto di imbracciarlo, guardando nella mia direzione. Ho quindi chiamato i carabinieri, scoppiando a piangere al telefono, che sono arrivati dopo pochi minuti. Quando abbiamo chiesto il perchè di questo assurdo gesto al cacciatore lui ha detto che il cane l'aveva aggredito.



Quella sera siamo andati a Martignacco, presso il presidio di Martignacco, e abbiamo denunciato l'accaduto. Un'ora dopo stavamo seppellendo il nostro adorato Adamas, insieme ai suoi giocattoli preferiti. La sua cuccia e il suo cibo sono stati donati al Centro Cinofilo Lupo Nero di Fagagna questa mattina».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 21 Novembre 2015, 00:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Spaventato da un Border Collie,
cacciatore lo uccide a fucilate
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 77 commenti presenti
2015-11-04 18:05:24
Chiaramente non hai mai avuto alcun legame con un animale. Oggetti poi? Per te forse. Alle persone gli animali piacciono per il loro carattere individuale, non ne troverai mai uno identico ad un altro. La gente si sta indignando perché questa persona ha sparato ad un animale senza averne ragione, sparandogli di nuovo per buona misura. Non bisogna certo essere "animalisti" per trovarla una cosa crudele.
2015-11-04 17:17:59
basta la 1^ media ... non serve scomodare l'accademia della crusca
2015-11-04 17:15:09
Per una volta che l'aveva detta giusta...
2015-11-04 17:14:35
Complimenti pol, hai ricevuto lo stesso numero di dislike (finora 8) del sottoscritto. Che sia un caso, oppure c'è un determinato numero di persone che interpretano l'articolo in maniera del tutto personale?
2015-11-04 16:27:43
Caro accademico della "Crusca", preferisco essere una mente "illuminata" in senso sarcastico che una mente ottusa nel vero senso della parola. Senza giustificare il cacciatore, ribadisco che l'eccessivo affetto verso un animale, dovuto al fatto che, a differenza di un umano, lui fa quello che vuoi tu, porta ad un'isteria collettiva con tutto ciò che ne consegue. I tuoi animali (sono certo che ne hai)sono solo oggetti che servono a soddisfare la tua affettività, insomma, un surrogato di altro.