Treviso. Il passato remoto di cuocere?
«Cucino, anzi no: cocessi»/ Video

Due delle ragazze intervistate in piazza Borsa a Treviso

di Beatrice Mani

TREVISO (28 luglio) - La dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale, Giuliana Bigardi, ieri era stata chiara: in italiano gli studenti della Marca sono degli irrecuperabili "somari". La Bigardi non aveva lasciato molto spazio alla difesa degli studenti di medie e superiori: la grammatica per molti di loro sarebbe un libro polveroso e poco consultato.



Non volevamo crederle e per questo abbiamo verificato di persona per le strade del capoluogo, Treviso, chiedendo ai "giovani veneti" di prestarsi ad un gioco: il quiz di grammatica italiana.









Le domande sono state più o meno le stesse per tutte. E non è un caso che si parli al femminile: già, perché a prestarsi al nostro gioco sono state solo le studentesse (alcune di loro non sono state mostrate in volto perché minorenni). A quanto pare i maschietti trevigiani temevano la brutta figura sul web.







Abbiamo chiesto alle studentesse di coniugare alcuni verbi e di spiegare l'ortografia di alcune parole. Un esempio? Il participio passato del verbo esigere: esatto; il passato remoto di cuocere che ha regalato molti occhi sbarrati e punti interrogativi sopra la testa, quando non è stato direttamente scambiato con cucinare, o magari il congiuntivo imperfetto di fare.







La Bigardi aveva ragione: non ci siamo, fatta qualche eccezione le studentesse hanno dimostrato di essere un tantino "confuse".









Sull'ortografia va meglio. Certo, alcune ragazze sono convinte che qual è si scriva con l'apostrofo fra la l e il verbo essere o che nella parola conoscenza da qualche parte debba essere inserita una i, ma sono "dettagli". Non ci credete? Basta guardare i video.












© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 28 Luglio 2010, 17:22






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Treviso. Il passato remoto di cuocere?
«Cucino, anzi no: cocessi»/ Video
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti