Punto dal trigone, il ragazzino è rimasto paralizzato ma per i medici può recuperare

PER APPROFONDIRE: razza, trigone
Il ragazzino punto dal trigone è rimasto paralizzato ma per i medici può recuperare
Arrivano buone notizie dall'Ospedale Maggiore di Bologna. Il ragazzino trafitto dal trigone qualche giorno fa sta meglio: «Muove le braccia e ci sono segnali da uno dei due arti inferiori. È un ragazzino con tanta voglia di lottare». Federico De Iure, responsabile della Chirurgia vertebrale dell'Ospedale Maggiore di Bologna, è stato tra i primi ad accogliere il ragazzino di 12 anni di Genova, ferito da un trigone, un pesce simile alla razza, in Costa Rica il 20 ottobre e arrivato nella notte all'ospedale cittadino. 

Punto dal trigone, ragazzino rischia la vita

Dopo un volo di 15 ore, partito dal paese sudamericano e che ha fatto tappa in Canada, il giovane paziente, che dopo la lesione non riusciva più a muovere le gambe, insieme alla famiglia e accompagnato dalla dottoressa della Rianimazione del Maggiore Liliana Copertino è atterrato nella notte all'Aeroporto Marconi per proseguire le cure nella struttura sanitaria scelta dai genitori.

Il 12enne e il fratello stavano giocando in mare quando il trigone lo ha colpito al collo con la coda. «Un aculeo che per forma assomiglia a un ferro da calza - ha spiegato ancora De Iure - ha colpito il paziente all'altezza della sesta vertebra cervicale e l'ha trapassata. Le sue condizioni al momento sono buone, non ha la febbre e dà segni di un iniziale recupero motorio. Ora porta un collare e non sono previsti, al momento, un intervento chirurgico o una terapia farmacologica. Nei 12 mesi vedremo che tipo di recupero ha fatto. Ora è già iniziata la riabilitazione che proseguirà a Montecatone, un istituto specializzato ad Imola». «Non avevamo una conoscenza diretta con la famiglia - ha spiegato De Iure durante una conferenza stampa - ma il Maggiore è uno dei centri in Italia che tratta il maggior numero di lesioni spinali».


«Ogni anno - ha aggiunto Carlo Coniglio, dirigente di Rianimazione, reparto dove ora è ricoverato il 12enne - trattiamo 200-250 fratture vertebrali e assistiamo 30-35 pazienti con lesioni spinali. Il caso che riguarda questo ragazzo, la lesione provocata da un trigone è più unica che rara. Rimarrà nella storia delle lesioni e verrà anche studiata». Tramite il portavoce Paolo Colombo, la famiglia del giovanissimo paziente ha ringraziato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e la Farnesina per avere messo a disposizione il volo umanitario. «Dopo la convalescenza in ospedale in Costa Rica - ha concluso Copertino - il viaggio ha stancato moltissimo il ragazzo, lo abbiamo assistito in ogni momento. È un bimbo che è cresciuto in fretta e che sta affrontando una prova intensa con molta energia e coraggio».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 19 Novembre 2019, 08:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Punto dal trigone, il ragazzino è rimasto paralizzato ma per i medici può recuperare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti