Toronto invasa dai procioni: aggressioni in aumento, popolazione esasperata

Lunedì 8 Marzo 2021
Toronto invasa dai procioni: aggressioni in aumento, popolazione esasperata

A Toronto, ormai da qualche anno, la popolazione di procioni sta aumentando esponenzialmente. E non si tratta dell’unico animale ad essersi adattato all’ambiente urbano. Nella città canadese (nota peraltro per un celebre festival cinematografico) si è visto di tutto: volpi, topi muschiati, lontre, persino cervi e coyote. Ma a Toronto i procioni si sono ritagliati un posto particolare nella vita cittadina. In un caso, uno di questi animali, trovato morto a una fermata di autobus, diventò virale sui social, quando gli furono lasciati fiori, messaggi di cordoglio, candele e altri omaggi. Spesso, però, l’orsetto lavatore (o panda della spazzatura, come viene chiamato qui), si scontra con le lamentele dei vicini umani, colpiti da disturbi del sonno, preoccupati dalle intrusioni di procioni squatter nelle loro case rimaste disabitate, o da improvvisi incontri ravvicinati non sempre graditi. Il coronaviurs, e il lockdown e il conseguente smart working, hanno reso le interazioni con queste pelose creature urbane sempre più frequenti.

Una lite di famiglia confusa per un blitz di ladri: i procioni rissosi fuggono dalla polizia

Nel corso dello scorso anno, si è registrato il 62% di incremento degli “attacchi” di procioni registrati ai danni dei residenti. Ma secondo gli esperti i rapporti di graffiature, morsi e altri atti ostili non sono dovuti alla maggiore ostilità dei procioni, bensì ai comportamenti dei cittadini. 

Procioni all'assalto della scatola "magica": l'uomo è circondato

«La gente è impazzita», ha detto al Guardian, che dedica al fenomeno un lungo reportage, Derick McChesney, proprietario di un’azienda che si occupa di controllo della fauna urbana.  «MI ritrovo faccia a faccia con loro quasi tutti i giorni. Un procione può diventare aggressivo, specialmente se si trova vicino ai suoi piccoli. Ma nella maggior parte dei casi, il loro comportamento non è cambiato. Invece, sono le persone restano a casa più tempo, e purtroppo spesso si comportano stupidamente». 

Molti hanno capito, a proprie spese, che i procioni hanno preso l’abitudine di dormire in case che restano vuote durante il giorno. McChesney ha raccontato che i procioni hanno una abilità unica di capire dove si trovano i posti più comodi delle case, e spesso si recano direttamente in camera da letto, solitamente vuota durante il giorno. 

 

C’è poi una epidemia di cimurro che sta colpendo la popolazione di procioni, e questo non è solo un problema per gli animali, ma anche per gli umani, perché la malattia - che può essere letale - tende a far sparire ogni timore reverenziale nei confronti di noi bipedi. Lo scorso anno, il servizio preposto a prendersi cura degli animali ha segnalato 13.712 richieste di intervento per procioni feriti o malati, rispetto ai 4172 de giorno precedente. Nessun caso, invece, di rabbia, dal 2017. Per fortuna, uccidere animali è illegale nella città canadese eletta “capitale mondiale dei procioni”. Ma secondo alcuni sondaggi, la maggioranza dei cittadini sarebbe favorevole a un loro “abbattimento controllato”.


 

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA