Due tonnellate di pinne sequestrate a Hong Kong: uccise decine di migliaia di squali

Mercoledì 11 Novembre 2020 di Remo Sabatini
Maxi sequestro di pinne di squalo a Hong Kong. (immagine pubbl da South China Morning Post- handout)
1

Due tonnellate di pinne di squalo disidratate sono state sequestrate dagli agenti della dogana di Hong Kong. Il macabro carico, ripreso nella immagine diffusa dal South China Morning Post che pubblichiamo, era ben nascosto all'interno di un container indonesiano aperto dai doganieri durante una ispezione al Kwai Chung Customhouse Cargo Examination Compound.

Giornata mondiale degli squali. Il predatore per eccellenza a rischio estinzione in tutti i mari del pianeta

Maxi sequestro di pinne di squalo: confiscate 26 tonnellate del valore di oltre un milione di dollari

Le pinne, una volta immesse sul mercato, avrebbero potuto fruttare ben oltre i 187mila dollari americani stimati. Le pinne provengono da migliaia di squali mutilati e uccisi, appartenenti anche a specie protette. Il crocevia internazionale di Hong Kong non è nuovo a sequestri del genere.

Come quello avvenuto nel maggio scorso che, con 26 tonnellate di pinne, aveva stabilito un record. Allora, erano stati stimati in oltre 45mila gli squali trucidati dal mercato nero dello shark finning che, nonostante le proteste internazionali, continua. Il carico sequestrato sarà esaminato dagli ispettori del Dipartimento dell'Agricoltura, Pesca e Conservazione.

   

Ultimo aggiornamento: 19:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA