Scorpioni, allarme in Egitto: 500 persone sono state punte e ci sono tre morti, scuole chiuse

Le punture di solito non sono fatali e in genere causano solo dolore, intorpidimento, formicolio e gonfiore

Domenica 14 Novembre 2021
Maltempo, piogge e nubigrafi: scorpioni invadono il sud dell'Egitto e mordono 500 persone

È allarme in Egitto: le piogge torrenziali hanno provocato un'invasione di scorpioni che hanno punto più di 500 persone nel governatorato di Assuan, nel sud dell'Egitto. Ci sono anche tre persone morte avvelenate. Gli animali sono stati spinti in strade e abitazioni dopo l'ondata di maltempo e le piogge degli ultimi giorni. Lo riferisce il sito Sada Elbalad citando il Ministero della Salute egiziano che però ha negato informazioni, peraltro di fonte ufficiale, circa la morte di tre persone avvelenate da questi pericolosi aracnidi.

«503 cittadini hanno ricevuto un antidoto ad Assuan, dopo essere stati morsi da scorpioni che hanno lasciato le loro tane a causa delle piogge torrenziali», ha dichiarato Khaled Abdel Ghaffar, il ministro egiziano dell'istruzione superiore e della ricerca scientifica ma che è il ministro della Salute ad interim.

In precedenza un sottosegretario del Ministero della Salute egiziano ad Assuan, Ehab Hanafy, aveva affermato che «3 persone sono state uccise e altre 450 sono rimaste ferite da punture di scorpione a causa del maltempo e delle ultime inondazioni che hanno colpito ieri Assuan».

 

La città ieri era stata colpita da violente grandinate, forti venti e piogge, sottolinea il sito di Al Arabiya ricordando che le punture di scorpione di solito non sono fatali e in genere causano solo dolore, intorpidimento, formicolio e gonfiore. Tuttavia in casi gravi si riscontrano difficoltà di respirazione, contrazioni muscolari, anormali movimenti di collo e occhi, salivazione, sudorazione, nausea, vomito, ipertensione, tachicardia, irrequietezza o eccitabilità.

Comunque ad Assuan, per garantire la sicurezza degli studenti, oggi le scuole sono rimaste chiuse nonostante l'inizio odierno della settimana islamica. Il ministro ha sottolineato la disponibilità di una scorta strategica sufficiente di antidoti contro le punture di scorpioni e serpenti in tutti gli ospedali e le unità sanitarie di tutti i governatorati egiziani come parte del piano del dicastero per far fronte alle fluttuazioni climatiche.

Dosi extra di antiveleno sono state fornite ai centri medici nei villaggi vicino alle montagne e ai deserti, ha detto un funzionario sanitario all'agenzia di stampa Al-Ahram. La popolazione è stata esortata a rimanere a casa e a evitare luoghi con molti alberi.

L'Egitto è la patria degli scorpioni black-fat tail. Il loro veleno può uccidere l'uomo in meno di un'ora. L'antiveleno è usato come misura preventiva prima che i sintomi si manifestino, ma può anche funzionare una volta che i sintomi iniziano a peggiorare.

 

Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 09:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA