Mediterraneo, boom delle temperature: alcuni ecosistemi sono già trasformati

Martedì 8 Giugno 2021
Mediterraneo, boom delle temperature: alcuni ecosistemi sono già trasformati

Quasi 1000 specie aliene si sono già adattate a vivere nelle calde acque del mar Mediterraneo e stanno sostituendo le specie endemiche, mentre condizioni meteorologiche sempre più estreme devastano fragili praterie di fanerogame marine e i banchi di corallo e minacciano le nostre città e le coste. In occasione della Giornata mondiale degli oceani, il Wwf mostra come il cambiamento climatico abbia già trasformato, a volte in modo irreversibile, alcuni dei più importanti ecosistemi marini del Mediterraneo, con conseguenze per settori economici come la pesca e il turismo, e cambiamenti nel nostro consumo di pesce. È necessaria un'azione urgente per mitigare ulteriori emissioni di gas serra e per adattarsi alla nuova realtà di un mare destinato a riscaldarsi. Quello dell'effetto della crisi climatica è solo il primo dei temi proposti dalla campagna "GenerAzioneMare" del Wwf Italia che vedrà per tutta l'estate volontari, ricercatori, velisti, sub e apneisti impegnati nella difesa collettiva del nostro Capitale Blu. Il calendario degli eventi verrà lanciato nei prossimi giorni insieme al Manifesto di Campagna con gli obiettivi di tutela per il 2021.

Con l'aumento delle temperature del 20% più veloce della media globale e l'innalzamento del livello del mare che dovrebbe superare il metro entro il 2100, il Mediterraneo sta diventando il mare con il riscaldamento più rapido e il più salato del nostro pianeta. Il nuovo rapporto del Wwf: "The Climate Change Effect in the Mediterranean: Stories from an overheating sea" mostra i 6 principali impatti che il cambiamento climatico ha su tutta la biodiversità marina e l'entità dei mutamenti risultanti nelle principali specie ittiche e habitat con conseguenze sulla sussistenza delle comunità locali. Il Wwf sottolinea la pericolosa relazione tra l'impatto climatico e le attuali pressioni umane sulla vita marina, come la pesca eccessiva, l'inquinamento, lo sviluppo antropico costiero e la navigazione che hanno già drasticamente ridotto la resilienza ecologica del nostro mare, ovvero, la sua capacità di rigenerarsi.

Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 10:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA