Condannato a morte in Danimarca, il cane Iceberg torna in Italia: l'abbraccio con il proprietario

PER APPROFONDIRE: danimarca, dogo argentino, iceberg
Condannato a morte in Danimarca, il cane Iceberg torna in Italia: l'abbraccio con il proprietario
È tornata in Italia Iceberg, il cane di razza Dogo argentino sequestrata a fine maggio in Danimarca perché considerata una specie proibita e pericolosa, e per questo destinata all'abbattimento. 

Iceberg ha potuto finalmente riabbracciare il proprietario, il cuoco avellinese Giuseppe Perna, all'aeroporto di Fiumicino. Dopo la consegna formale e la firma dei verbali la polizia danese ha imbarcato Iceberg su un volo di linea, che è atterrato a Fiumicino poco prima delle 13.

La vicenda si è sbloccata qualche settimana fa, con l'approvazione da parte del Parlamento danese di una legge ad hoc, con cui è stato permesso alla polizia di Copenaghen di rilasciare Iceberg. La legge chiamata «salva Iceberg» era stata fortemente voluta dai gruppi animalisti. Iceberg era entrata in Danimarca senza problemi. I guai erano iniziati dopo una zuffa con un altro cane. Dopo il sequestro della polizia, Perna aveva scoperto che il dogo argentino è una specie proibita in Danimarca. Grazie alla sua tenacia, e ad una battaglia legale con raccolte firme, Perna è però riuscito a vincere la causa. E a riabbracciare l'amata Iceberg.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 20 Novembre 2017, 14:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Condannato a morte in Danimarca, il cane Iceberg torna in Italia: l'abbraccio con il proprietario
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-11-21 08:24:46
Spero solo che non sbrani qualche ragazzino. E una razzo effettivamente molto aggressiva e andrebbe gestita con molte limitazioni. E inutile piangere dopo i fattacci.
2017-11-20 20:17:02
bellissima notizia. Viva gli animali.
2017-11-20 20:16:47
Sono contento per il cane...ma il problema sono i proprietari dei cani, che come in questo caso, si comportano in un modo che dimostra incompetenza, irresponsabilità e faciloneria, che sono gli ingrediente di possibili incidenti. Per inciso: non si va in giro per il mondo senza documentarsi prima ( a partire dal Dangerous Dog Act britannico degli anni '90, sono stati molti i paesi ad introdurre obblighi e divieti di questo tipo - leggi concepite spesso in modo delirante - come la quarantena britannica di 6 mesi -ma che essendo leggi vanno rispettate). Uno non può dire che non lo sapeva!
2017-11-20 19:09:16
Speriamo che la felicità del proprietario non si trasformi in tragedia.
2017-11-20 17:46:22
Gli auguro non debba mai pentirsi d'averlo ritrovato / in italia le cronache raccontano di troppe tragedie provocate da quei cani considerati pericolosi in danimarca !