Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Germania, mistero allo zoo: morti due cuccioli di orso polare, la madre li mangia

Difficile stabilire la causa della morte dei due gemelli

Giovedì 23 Dicembre 2021 di Remo Sabatini
Uno degli orsi polari dello zoo tedesco. (Immag diffusa sui social dallo zoo Zoom Erlebniswelt)

«Siamo molto dispiaciuti per i nostri Lara e Bill che hanno perso i loro piccoli». Questo, uno stralcio del breve comunicato con il quale, poche ore fa, lo Zoom Erlebniswelt, zoo tedesco di Gelsenkirchen, località non distante da Dortmund, ha confermato la notizia della morte di entrambi i cuccioli di orso polare.

I due piccoli orsi erano nati intorno alla metà di dicembre e la notizia era stata accolta con soddisfazione da tutto lo staff. Una gioia che però è durata ben poco. Sì, perché uno dei due gemelli era morto dopo soltanto due giorni mentre l'altro, nonostante sembrava fosse in piena forma e addirittura in crescita, lo avrebbe seguito pochi giorni dopo.

Morti due cuccioli di orso polare: mistero allo zoo

Ma non finisce qui perché sembra che la mamma, Lara, si sia nutrita dei suoi cuccioli già morti. Cosa che indubbiamente infittisce il mistero sulle cause del decesso degli orsetti visto che non è stato possibile analizzarne i corpicini. Cosa può aver spinto mamma orsa a mangiare i suoi piccoli senza vita?

In natura, in caso di parto gemellare, mediamente sopravvive soltanto uno dei due. La ricerca di cibo e la scomparsa dell'habitat naturale di questi giganti, sono tra le cause che possono addirittura spingere gli orsi a mangiare i propri piccoli in caso di morte prematura. Già, ma Lara e Bill non erano dispersi in qualche remota regione ghiacciata. Certamente privati della libertà, godevano comunque di pasti regolari. E allora? Questa una delle tante domande alle quali i responsabili del settore scientifico dello zoo dovranno dare risposta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA