Rarissima foca monaca filmata sulla costa libica, l'eccezionale video diffuso dagli studiosi

Martedì 24 Agosto 2021 di Remo Sabatini
La rarissima foca monaca nelle immagini riprese in Libia (immag e video diffusi su Fb da Bado Society for Environm e su You Tube da Bado Zuwara)
1

Il filmato è eccezionale. Ripreso dagli studiosi, documenta l'incontro con un rarissimo esemplare di foca monaca lungo una spiaggia della costa libica. Il sito esatto dove è avvenuto l'avvistamento non è ancora stato reso noto per preservare l'incolumità dell'esemplare. Nel video, diffuso sui social poche ore fa dall'associazione Bado Society For Environm, si vede chiaramente uno degli studiosi che, con tutte le cautele del caso, rimanendo a debita distanza, osserva la foca, un adulto, che sembra riposare a pochi metri dalla battigia. Almeno fino a quando, spaventato dalla presenza umana, il mammifero marino non fa ritorno in mare.

 

 

Pochi minuti che, in ogni caso, confermano ancora una volta la presenza, seppure ormai sparuta, della foca più rara del pianeta nel Mediterraneo. L'avvistamento è stato reso possibile grazie all'allerta pervenuto negli ultimi giorni all'associazione: "C'è uno strano animale", avevano detto. Da lì il sopralluogo che, anche grazie alle informazioni raccolte tra i pescatori locali, avrebbe dato esito positivo. La foca monaca (Monachus monachus) con meno di 600 esemplari è uno dei mammiferi più in pericolo di estinzione del pianeta.

 

 

Un tempo comune pressoché lungo tutte le coste del Mediterraneo, oggi sopravvive alle innumerevoli attività marinare umane ed è stata osservata in remote località di Grecia, Italia e, come abbiamo visto, Libia. Quando non è a caccia, si rifugia in anfratti e grotte dove, fino a non moltissimi anni fa, veniva braccata e uccisa da pescatori senza scrupoli. "La prima documentazione sulla presenza della foca monaca mediterranea in Libia, ha sottolineato la Bado Society For Environm, risale al 1937 quando, grazie all'italiano Edgardo Molteni, fu avvistata sull'isola di Alharri".

© RIPRODUZIONE RISERVATA