Covid, il virus anche negli animali: dai cervi ai procioni. Cosa significa per gli esseri umani?

Giovedì 18 Novembre 2021
Covid, il virus anche negli animali: dai cervi ai procioni. Cosa significa per gli esseri umani?

Dopo i visoni, anche i cervi, si è scoperto, si ammalano di Covid-19. Sarebbero contagiati dalle persone, ma questo implica che il virus può anche evolversi tra questi animali e poi riversarsi negli esseri umani. Questo è un nodo molto importante da capire soprattutto in vista di future, eventuali, altre pandemie. 

La SARS-Cov-2 si è sviluppata da un animale (un pipistrello). La dinamica spiegata dagli scienziati è questa: dal pipistrello il virus è passato a un altro animale, un ospite intermedio, e poi è arrivato agli essere umani.

Ora sappiamo anche che animali domestici come i gatti, animali da zoo come gorilla e leopardi delle nevi e visoni d'allevamento possono essere infettati. Sono stati riportati casi multipli, e l'evidenza di cambiamenti nei virus che infettano i visoni ha portato ad abbattimenti di massa di questi animali negli allevamenti di pellicce.

L'ultima specie che si è infettata è quella dei cervi dalla coda bianca, riporta la CNN. Negli allevamenti, i cervi si contagiano avvicinando le narici alle mani degli allevatori o dei visitatori umani o di chi si prende cura di loro.

Perché è un problema se si infettano gli animali?

Il problema è quando il virus ha a disposizione un "serbatoio" nel quale può cambiare ed evolvere. Questo può accadere in due modi. Uno è l'adattamento costante. Man mano che infetta specie diverse, il virus cambierà per adattarsi meglio a quelle specie e questo potrebbe renderlo più o meno pericoloso per gli esseri umani.
Oppure, un altro modo è quando i virus scambiano grossi pezzi di materiale genetico in un processo chiamato ricombinazione. Succede con l'influenza stagionale, ma anche i coronavirus possono farlo. Se un animale è infettato da più di un coronavirus alla volta, i due tipi possono mescolare e abbinare i geni e potenzialmente creare nuove varianti.


«La ricombinazione è uno dei principali meccanismi di evoluzione dei coronavirus», ha detto alla Cnn Hon Ip dello United States Geological Survey in Wisconsin. Inoltre, ha detto Ip, la sorveglianza è necessaria per sapere quali coronavirus vivono negli animali che potrebbero essere la fonte della prossima pandemia - non solo tra i pipistrelli in grotte remote nel sud-est asiatico, ma forse tra i topi o cervi o procioni nei cortili del Midwest degli Stati Uniti.
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 10:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA