Cavallo incornato e ucciso durante la corrida: Maximo era appena entrato nella piazza de toros

Domenica 3 Ottobre 2021 di Remo Sabatini
Il toro colpisce il cavallo (immag diffusa sui social dall'associazione PACMA e da Diario de Sevilla)
2

Si chiamava Maximo e, come un gladiatore costretto al combattimento, era appena sceso nell'arena dove ha trovato la morte. Maximo era un cavallo, di quelli utilizzati nelle corride e apparteneva alla squadra di Andres Romero. Montato da un "rejonador", se la sarebbe dovuta vedere con un toro imbizzarrito nella plaza de toros di Siviglia dove, nell'ambito dei festeggiamenti di San Miguel, era stata organizzata la tradizionale "corrida de rejones".

 

 

La corrida de rejones

La corrida de rejones è una particolare corrida che, contrariamente alla più nota che ha protagonisti el picador, a cavallo, e il matador, a tu per tu con il toro, prevede il solo utilizzo di cavallo e cavaliere (rejoneador) e il solito sfortunato toro di turno. Inutile sottolineare che il più delle volte, ad avere la peggio sia il toro. Anche se, come accaduto in questa occasione, a rimetterci la pelle è stato qualcun altro.

Per il cavallo Maximo, infatti, come riportato dall'associazione animalista spagnola PACMA e dal Diario de Sevilla che hanno diffuso l'immagine che pubblichiamo, una volta colpito al basso ventre non c'è stato più molto da fare.

Sedato e stabilizzato nell'arena dal personale della corrida, sarebbe infatti morto poche ore dopo, a causa  delle gravi ferite riportate, nonostante il trasferimento presso la clinica veterinaria di Aznalcollar.

"I tori, purtroppo, non sono gli unici animali che vengono sfruttati e uccisi nelle corride", ha commentato con un comunicato la PACMA. "È una attività crudele che porta solo sofferenza, tortura e morte".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA