Il gatto (o il cane) muore? È diritto del lavoratore piangerlo. In Colombia 2 giorni di ferie per legge

Giovedì 23 Settembre 2021 di Claudia Guasco
Il gatto (o il cane) muore? È diritto del lavoratore piangerlo. In Colombia 2 giorni di ferie per legge

L’amore per gli animali è anche il diritto dei loro padroni di piangerli quando non ci sono più. Con un congedo dal lavoro pagato. Potrebbe accadere presto in Colombia, dove il deputato del Partito liberale Alejandro Carlos Chacon, 48 anni, ha presentato un disegno di legge in base al quale i datori di lavoro sono obbligati a concedere al dipendente che ne faccia richiesta due giorni di ferie retribuite dopo la morte dell’animale. La nuova normativa mira a riconoscere il «legame affettivo tra gli esseri umani e i loro animali domestici, la cui morte può avere un considerevole impatto emotivo sui loro padroni», spiega il politico a El Tiempo.

Il paese dei gatti scomparsi, 50 da inizio maggio. «Tutti randagi, nessuno di razza»

Il legame sentimentale

«Alcune persone non hanno figli, ma hanno un animale domestico molto amato con cui sviluppano un legame profondo e fraterno», riflette Chacon. Aggiungendo che il congedo retribuito aiuterebbe le persone a «superare il dolore per la perdita dei loro amati animali senza essere preoccupati per il lavoro». Secondo Chacon il disegno di legge cambierà la vita alla maggior parte dei colombiani, poiché sei famiglie su dieci hanno un animale domestico. La proposta non specifica quali animali siano considerati casalinghi, tuttavia El Tiempo riferisce che la legge proposta definisce animale domestico quello con cui «il proprietario ha un forte legame sentimentale». E puntualizza che i giorni di ferie retribuiti non si applicano in caso di morte di fauna selvatica o di animali esotici. Il documento prevede inoltre che un dipendente possa accedere al congedo retribuito solo informando preventivamente il datore di lavoro e fornendo le prove del decesso. Il timore è che qualcuno se ne approfitti, adducendo alla finta morte del cane di casa per due giorni di vacanza gratis, ma il disegno di legge mira a scoraggiare le truffe obbligando a produrre la documentazione veterinaria e punendo i colpevoli con multe.

Animali domestici e Covid, cosa fare per proteggerli se si è positivi e come curarli se si contagiano

La situazione in Italia

Il Senato e la Camera dei rappresentanti colombiana è pronta ad affrontare il dibattito, che avrà tempi lunghi. Se la proposta diventerà legge, sarà rivoluzionaria a livello mondiale. A Glasgow, in Scozia, due anni fa, la cameriera ventenne Emma McNulty è stata licenziata perché il giorno dopo la morte del suo Yorkshire si è presa un giorno di ferie. «Non potevo presentarmi a lavoro perché ero troppo devastata e stavo male fisicamente», ha raccontato al Daily Telegraph, sostenendo come un animale domestico abbia la stessa importanza di un membro della famiglia. «È tempo che le aziende lo riconoscano», ha detto. Così ha lanciato una petizione online per chiedere che la legge sul congedo per lutto sia estesa agli animali domestici. In Italia non esiste una norma specifica che regoli il congedo per il decesso del cane o del micio di casa. Un passo avanti è stato compiuto nel 2007 con la sentenza in cui i giudici di Cassazione stabiliscono l’esistenza di un «diritto al permesso retribuito per l’assistenza dell’animale domestico», poiché «la non cura di un animale di proprietà integra il reato di maltrattamento». Il caso sul quale si è pronunciata la Corte riguardava una giovane donna, dipendente presso l’Università la Sapienza di Roma, che aveva richiesto un permesso di due giorni per assistere il suo cane che necessitava di un intervento medico veterinario urgente alla laringe.

Nipah, paura in India: il virus dei pipistrelli uccide un bambino, centinaia in isolamento

La donna viveva da sola, era l’unica che poteva occuparsi di lui e l’intervento era ritenuto necessario dal veterinario. Dopo il primo rifiuto da parte del datore di lavoro di concedere il permesso, la donna si è rivolta alla Lega antivivisezione per avere assistenza legale, ottenendo il permesso retribuito. Secondo la Lav, infatti, se l’animale non riceve le giuste cure è persino configurabile il reato di abbandono. Il principio affermato dalla Cassazione, però, non è una rete a maglie larghe e il diritto al permesso di lavoro retribuito può essere riconosciuto in particolari circostanze. Spetta solo se il lavoratore vive da solo e non ha possibilità di delegare l’assistenza ad altri. Deve inoltre essere in possesso di un certificato veterinario che attesti la malattia dell’animale, dimostrare la necessità di prestare cure veterinarie o accertamenti indifferibili all’animale, non avere alternative per il trasporto o non poter fornire diversamente la necessaria assistenza.

Il paese dei gatti scomparsi, 50 da inizio maggio. «Tutti randagi, nessuno di razza»

Ultimo aggiornamento: 22:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA