Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il cane abbaia troppo, risarcimento di 12 mila euro al vicino di casa

Sabato 30 Luglio 2022
Video
1

Un uomo della città di Láchar, in Spagna, riceverà un risarcimento di 11.860 euro dopo essere stato colpito da depressione per la "prolungata esposizione al rumore dei cani" che vivevano nella casa del vicino. L'uomo, che nel frattempo è stato costretto anche a traslocare, è stato addirittura ricoverato in ospedale dopo diversi attacchi di ansia che lo hanno portato due case vicino alla sua. La notizia è stata pubblicata dal sito "20minutes" che scrive: «Le condizioni di salute sono peggiorate perché lavorava di notte e dormiva di giorno, quando i cani abbaiavano e non gli permettevano neanche di riposare». Per questo motivo la Quarta Sezione del Tribunale di Granada ha deciso di condannare il padrone dei cani. Prima con una multa di 2.500 euro, poi con un aumento fino a 11.860. Anche la moglie della querelante è stata infatti colpita dall'abbaiare dei cani poiché ha dovuto essere curata al pronto soccorso per un mal di testa legato alla mancanza di riposo.

La decisione del Tribunale

Non solo un'ammenda ma anche una richiesta precisa ai padroni dei cani. Gli imputati sono stati infatti invitati ad allontanare i cani dalla casa per «portarli in un altro luogo appropriato dove non causare disagi alla comunità» L'uomo, un attore, ha spiegato ai giornalisti spagnoli la procedura che lo ha portato a vincere la causa. Esperti acustici hanno visitato l'appartamento per verificare il costante abbaiare dei cani, controlli ripetuti per quattro volte. Poi è stata installata una telecamera 24 ore su 24 per registrare i suoni e constatare che l'abbaiare avveniva sia di giorno che di notte. «I rumori ripetuti, secondo le registrazioni inglobate nel procedimento e raccolte in atto notarile, sono stati costanti giorno e/o notte», ha affermato la sentenza del Tribunale

Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 15:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci