Balene schiacciano donna di 29 anni: è grave, polemiche sui tour operator per le nuotate fra i giganti del mare

Martedì 4 Agosto 2020 di Giampiero Valenza
Balene schiacciano donna di 29 anni: è grave, polemiche sui tour operator per le nuotate fra i giganti del mare

In tempi di distanziamento sociale per il coronavirus, nuotare tra due balene non è cosa che capita tutti i giorni. E' capitato sulla Ningaloo Reef, nell'Australia occidentale, a una giovane di 29 anni. Le balene, però, hanno fatto poco caso a quella persona lì in mezzo e l'hanno schiacciata.

Balena intrappolata nelle reti anti-squalo: un uomo si tuffa e la libera
Balena di 20 metri: l'emozionante video della guardia costiera
 

Nuotare fra le balene

 
 

Rimasta intrappolata tra le due megattere (animali che possono arrivare anche a 19 metri di lunghezza), ha avuto vertebre fratturate ed emorragie interne. E' stata prima curata ad Exmouth, poi è stata trasportata d'urgenza a Perth (a 1.250 km più a Sud), dove lunedì, secondo quanto riporta il notiziario on line della Bbc, era in condizioni gravi ma stabili.
 

 

In trappola


L'incidente è avvenuto in presenza di altri ospiti del tour di snorkeling a cui ha partecipato la ragazza, ma non ci sono stati altri feriti. Il gruppo si trovava a poche centinaia di metri dalla riva.

Il nuoto tra le megattere è una delle operazioni consentite dalla legge, seppur in fase di sperimentazione da cinque anni, nella zona della Ningaloo Reef. L'iniziativa turistica viene monitorato dal Dipartimento della biodiversità e solo 15 tour operator sono autorizzati a farlo.

I gruppi che possono nuotare tra le balene sono composti al massimo da 9 persone e viene suggerito di rimanere ad almeno 15 metri dagli animali.

Dal 2016 sono circa 10.000 le persone che hanno partecipato a questo particolare incontro ravvicinato con i cetacei e nessuno, prima d'ora, aveva avuto incidenti con lesioni gravi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA