Arezzo, cane rinchiuso in un appartamento da un anno: salvato dalla Polizia Municipale

Giovedì 7 Ottobre 2021
Arezzo, cane rinchiuso in un appartamento da un anno: salvato dalla Polizia Municipale

Un rottweiler viveva rinchiuso in un appartamento da un anno senza alcun tipo di cura dal proprietario. Operazione del nucleo benessere animale della polizia municipale di Arezzo a seguito di un esposto che segnalava la presenza di un cane di grossa taglia in completa solitudine da un anno all'interno di un appartamento, con i proprietari dell'animale trasferitisi in un altro Comune. Un ispettore e due agenti, arrivati nei pressi dell'abitazione, hanno constatato che dietro il portone d'ingresso, da cui non filtrava luce, un cane abbaiava costantemente. Dalle informazioni raccolte e a seguito di alcune indagini, gli operatori hanno appurato che il proprietario dell'animale lo nutriva periodicamente per poi essere irreperibile. Il fascicolo è stato inviato in procura e il magistrato ha autorizzato il sequestro del cane a seguito di maltrattamento.

 

Animali nelle case di 4 italiani su 10: presenza del cane (43,6%) batte il gatto (35,1%)

 

 

È stato dopo questo provvedimento che il nucleo della polizia municipale è intervenuto, insieme agli operatori dell'Enpa e al veterinario della Asl, grazie all'apertura da parte dai legittimi proprietari dell'appartamento, dato antecedentemente in locazione alla famiglia del cane, un rottweiler di sesso femminile. All'interno, oltre all'assenza di luce e a un odore viziato e sgradevole, sono state trovate feci, sporcizia e cumuli di peli, conseguenza dell'isolamento. Il veterinario ha attestato immediatamente lo stress subito e la mancanza di idonee condizioni di salubrità per il benessere psicofisico del cane. Le stesse unghie si erano eccessivamente allungate a causa della limitata mobilità. Attualmente l'animale sotto sequestro sta ricevendo le cure adeguate. Il nucleo benessere animale, creato dal comandante della polizia municipale Aldo Poponcini su sollecito dell'assessore Giovanna Carlettini, opera da circa sei mesi e ha già in attivo oltre cento interventi relativi alla tutela degli animali. A seguito dei quali sono state elevare sanzioni amministrative. Questo è il primo caso dove si configurano reati penali: il suddetto maltrattamento a cui si aggiunge il disturbo alla quiete pubblica. 

Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre, 11:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA