Infarto in barca, muore l'avvocato Marco Ferrari, presidente del circolo nautico di Giulianova

Domenica 8 Agosto 2021 di Azzurra Marcozzi
Infarto in barca, muore l'avvocato Marco Ferrari, presidente del circolo nautico di Giulianova

Non ha potuto vedere realizzato l’ultimo desiderio. Quello di poter ricostruire il caliscendi che venne abbattuto, assieme ad altri, tantissimi anni fa su disposizione della Capitaneria di Porto di Pescara. Era tutto pronto per iniziare i lavori e lo avrebbe chiamato “Lu prufssor” in memoria del padre, noto docente di Lettere al Liceo classico di Teramo e scrittore. A strapparlo all’affetto dei parenti, degli amici e del suo mare molto probabilmente è stato un infarto.
IL MALORE
È morto ieri pomeriggio, attorno alle 15,30, l’ avvocato Marco Maria Ferrari, aveva 71 anni ed era di Giulianova, in provincia di Teramo. Era sulla barca con il figlio Marko, i due nipotini e all’ avvocato Gianluca Carradori. Aveva rinunciato alla veleggiata della Lega Navale in onore della festa della Madonna del Portosalvo per andare in barca con il figlio, la “Saudade” (nome brasiliano che vuol dire nostalgia) ed aveva ormeggiato non lontano dal porto, in corrispondenza dello stabilimento balneare Venere. Aveva mangiato a bordo ma verso le 15,30, all’improvviso, si è accasciato battendo la testa. Non dava segni di vita, da bordo hanno dato subito l’allarme e così mentre Marko faceva andare a motore la barca a vela velocemente verso il porto, dal molo è partito un gommone sul quale c’era anche la dottoressa Lucia Petrella, cardiologa della Asl di Teramo. Una volta sull’imbarcazione, la dottoressa ha iniziato le operazioni di rianimazione e ad un certo punto il cuore sembrava aver ripreso a battere, ma poi si è fermato.

 


Intanto sulla banchina di riva erano pronti due equipaggi della Croce Rossa, anche loro hanno tentato invano di rianimarlo, usando il defibrillatore. L’ avvocato Ferrari se ne è andato nel suo mare, al quale aveva di recente dedicato un libro di successo, “Il Pescatore di sogni” di cui era molto soddisfatto. Lascia il fratello Maretto, due figli, Marko e Nila. Aveva perso l’amatissima moglie Tania nel settembre del 2018 quando era morta in un incidente stradale. Oltre ad essere un famoso avvocato, Marco Ferrari, era stato per 26 anni presidente del circolo nautico “Vincenzo Migliori” e di recente era tornato alla guida perché il 18 marzo scorso, per una malattia, era scomparso il presidente in carica Sergio Quirino Valente e si era rimesso al lavoro con l’entusiasmo di sempre, volendo regalare alla città la riapertura del vecchio Nautico abbandonato. Ma pensava soprattutto al suo caliscendi che resterà nei suoi sogni. La salma è stata restituita alla famiglia per il funerale, fissato domani alle 16,30 nella chiesa di San Pietro Apostolo. L’ avvocato era pronto a partire per la Grecia come ogni anno, dove in passato si recava con il collega avvocato Rizzardo Costantini, padre del sindaco, anche lui recentemente scomparso. Il sindaco ha espresso il cordoglio dell’amministrazione in una nota nella quale ricorda proprio le traversate sull’Egeo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA