Non si presentano al lavoro, il Comune: «Revocate il reddito di cittadinanza»

Lunedì 29 Novembre 2021 di Patrizio Iavarone
Non si presentano al lavoro, il Comune: «Revocate il reddito di cittadinanza»

 In un’area che conta la più alta percentuale di disoccupazione in Abruzzo, quanto accade ha dell’incredibile: percettori del reddito di cittadinanza che non si presentano ai progetti di utilità collettiva e bandi per le assunzioni di giardinieri che vanno deserti per «mancanza di competenze». Accade tra Pratola e Sulmona dove nei giorni scorsi si è consumato il paradosso del lavoro che manca: per due persone, un trentenne e un sessantenne di Pratola, percettori del reddito di cittadinanza, il Comune è stato costretto a chiedere la revoca dell’assegno. I due, inseriti nei cosiddetti Puc (progetti di utilità collettiva) dal marzo scorso, non si sono mai presentati a lavoro, nonostante l’idoneità fisica e un corso di formazione pagato dal Comune per adempiere alle mansioni per le quali erano destinati nell’area tecnica del Comune. A giustificazione il trentenne ha inviato per mesi via whatsapp agli uffici dei certificati medici e dei messaggi vocali nei quali diceva di avere altro da fare. Il sessantenne, invece, si è reso irreperibile e non ha neanche concluso il corso di formazione. Così nei giorni scorsi il Comune ha detto basta e ha fatto la segnalazione all’Ecad perché si proceda tramite Inps alla revoca del reddito di cittadinanza.

Clochard dorme alla stazione: «Non voglio aiuti da nessuno»

Non meno paradossale quanto accaduto a Sulmona dove il Comune cercava due giardinieri da assumere a tempo indeterminato. Nessuno però ha risposto al bando di mobilità, mentre la ricerca fatta tramite Centro per l’impiego non ha sortito risultati: i sei che hanno avanzato la candidatura erano privi, infatti, dei requisiti e le attestazioni richieste per coprire il post di categoria B. Ora il Comune è rimasto senza giardinieri, con la speranza, entro primavera, di fare un nuovo bando a cui qualcuno possa rispondere, magari acquisendo nel frattempo le competenze e le certificazioni richieste. 

Ultimo aggiornamento: 09:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA