Operaio falciato da un'auto: gravissimo. Caccia al pirata della strada

Lunedì 11 Ottobre 2021 di Tito Di Persio
Operaio falciato da un'auto: gravissimo. Caccia al pirata della strada

Investe un pedone e scappa: è caccia al pirata della strada. E' successo sabato sera verso le 21 lungo viale Europa, nel quartiere di Villa Pavone, a Teramo. La vittima è un operaio, A.M., 45 anni di origini romene. L'uomo è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione all'ospedale Mazzini di Teramo, dove è arrivato in stato di incoscienza e con un politrauma. Le sue condizioni sono gravissime. La polizia lancia l'appello al conducente in fuga: «Consegnati al primo posto di polizia o dei carabinieri, questo sarà valutato in modo positivo e potrai spiegare quanto successo». 


Gli agenti comunque sono sulle sue tracce. Alcuni testimoni hanno descritto la sua auto: un vecchio modella della Fiat Punto di colore scuro. Ed inoltre hanno fornito i numeri parziali della targa. Per completarla mancherebbe solo le ultime due cifre. Su questo sta lavorando la postale. Mentre la stradale ha acquisito le immagini di videosorveglianza nella zona, sia pubbliche che di alcune abitazioni private e sono certi che si siano indizi utili alle indagini, vale a dire la sequenza della drammatica scena. Il pirata avrebbe le ore contate.

L'incidente è avvenuto, nel tratto della strada statale 80 della frazione teramana su cui si affacciano bar, attività e anche la locale sede dell'associazione di volontariato della Croce Bianca. La dinamica dell'incidente è tutta da chiarire. Sembra che l'uomo stesse attraversando la strada, quando nel buio è stato travolto dall'auto che viaggiava in direzione Teramo ad alta velocità e che non si è fermata per prestargli soccorso.

I primi ad intervenire dopo aver udito il forte botto sono stati i volontari della Croce Bianca. Alcuni testimoni, moltissimi davanti al bar, hanno allertato i soccorsi ed è intervenuta anche un'ambulanza medicalizzata del 118 che ha trasportato il ferito al pronto soccorso del Mazzini. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale per i rilievi. Sono state raccolte diverse testimonianze. E nel pomeriggio di ieri i poliziotti hanno iniziato a visionare i filmati. Il pm Stefano Giovagnoni ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di reato di lesioni gravissime ed omissione di soccorso.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA