Ricatto all'amante di lei, marito e moglie patteggiano e tornano liberi

Sabato 3 Dicembre 2022 di Teodora Poeta
Ricatto all'amante di lei, marito e moglie patteggiano e tornano liberi

Hanno patteggiato la pena ad un anno e sei mesi di reclusione ciascuno con la sospensione condizionale per 5 anni i due coniugi di Tossicia che lo scorso 12 settembre erano stati arrestati per un'estorsione aggravata ai danni dell'amante di lei. Marito e moglie hanno così evitato di finire a processo e adesso sono tornati libertà dopo quasi tre mesi di arresti domiciliari.

A far scattare l'inchiesta della magistratura la denuncia da parte di un teramano che da qualche anno intratteneva con la donna, una casalinga 46enne di Tossicia, A.M., una relazione extraconiugale andata avanti tra alti e bassi. Questo fino a quanto proprio lei, il primo settembre, dopo aver dato un appuntamento all'amante in un luogo all'aperto non gli ha comunicato che suo marito, G.M., impiegato 49enne, li aveva scoperti e per non raccontare tutto a sua moglie voleva 30mila euro. Una somma che sarebbe dovuta servire «per sistemare la situazione». Ma la scena, quel giorno, è subito apparsa paradossale perché all'improvviso è sbucato fuori da un cespuglio il marito della casalinga con un telefono in mano usato per riprendere. E allora l'amante ha capito che forse era tutto organizzato ed è per questo che dopo si è deciso a denunciare l'accaduto.

Ma già a partire da quello stesso pomeriggio per l'uomo è cominciato l'incubo con messaggi intimidatori e la richiesta pressante del denaro: «Subito i primi 15mila euro, poi più avanti il resto». Fino alla consegna di 20mila euro dati, però, in accordo con le forze dell'ordine e i carabinieri appostati e pronti a bloccare la donna subito dopo il ritiro del denaro estorto. Con l'aggravante, così come contestato dagli inquirenti, del fatto commesso in più persone riunite. È in questo modo che marito e moglie, quella stessa sera, sono finiti agli arresti domiciliari, una misura per entrambi confermata anche dal Tribunale del Riesame dell'Aquila per il pericolo di reiterazione del reato soprattutto alla luce della possibilità che marito e moglie, hanno sostenuto i giudici a suo tempo, avrebbero potuto indurre la vittima a ritrattare. Appena emessa la sentenza di patteggiamento, però, i due coniugi sono tornati in libertà. Mentre la persona offesa (assistita dall'avvocatessa Antonella Galizia) adesso agirà in sede civile per chiedere il risarcimento del danno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA