Il Vicenza piange Giulio Savoini,
lo ricorda Sergio Campana

PER APPROFONDIRE: bandiera, lanerossi, morto
Il Vicenza piange Giulio Savoini, lo ricorda Campana

di Andrea Lazzari

VICENZA - Il Vicenza ammaina la Bandiera. Si è spento la notte scorsa all’età di 84 anni Giulio Savoini. Il giocatore con il maggior numero di presenze (317, con 32 gol) dal 1953 al 1967 del Lanerossi, che portò poi anche ad una storica salvezza nel 1990 da allenatore, vincendo a Ferrara lo spareggio con il Prato (2-0) per evitare la retrocessione in C2.







Presente anche al raduno del Vicenza meno di due settimane fa, in occasione della partita con il Bologna dello scorso 4 ottobre, venne omaggiato anche da Gianni Morandi, che si fece scattare alcune foto assieme a lui.



Tantissimi i giocatori svezzati alla guida delle giovanili biancorosse e della Primavera: un nome su tutti, Roberto Baggio. I funerali di Giulio Savoini si svolgeranno martedì alle ore 10.45 in Duomo.



Questo il commosso ricordo di Sergio Campana: «Abbiamo giocato tanti anni assieme, era un amico con cui ho condiviso una vita. Quando arrivò dall’Alessandria era un’ala sinistra, ma poi Manlio Scopigno lo trasformò in terzino sinistro d’attacco, precursore nel ruolo di Giacinto Facchetti. Siccome io nel contempo da attaccante ero diventato tornante di sinistra, occupavamo la stessa zona del campo e spesso ci scambiavamo i ruoli».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 25 Luglio 2015, 18:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Vicenza piange Giulio Savoini,
lo ricorda Sergio Campana
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti