Da trent'anni il mistero religioso
delle apparizioni di Maria

Da trent'anni
il mistero religioso
delle apparizioni
di Maria

di Vittorino Bernardi

SCHIO – 30 anni di fascino e mistero religioso a Schio per la realtà mariana Regina dell’Amore che mercoledì 25 marzo celebrerà il trentesimo anniversario dalla prima apparizione della Vergine Maria a Renato Baron, nella chiesetta di San Martino di via Aste.



Quel giorno cambiò la vita all’uomo, pensionato ex casellante e assessore comunale, e pure la realtà urbana di Schio che è diventata centro di richiamo spirituale da tutta Europa, in un crescendo che si è dilatato dopo la morte del veggente, il 2 settembre 2004 all’età di 71 anni.



In 30 anni alcuni milioni di persone hanno visitato il colle di San Martino, in migliaia hanno riscoperto la fede e decine hanno deciso di consacrasi diventando sacerdoti e suore. Un movimento mariano che non ha nai ottenuti riconoscimenti ufficiali dalla Chiesa, anche se c'è dialogo con il vescovo Pizziol.



Sorto nel febbraio 1987, il movimento mariano Regina dell’Amore in pochi anni si è allargato prima in Italia, poi in Europa e infine in Africa e nelle Americhe con la nascita di gruppi di preghiera “Maria Regina dell’Amore”. Un movimento, inserito nell’associazione Opera dell’Amore, che nello spirito dei messaggi ricevuti da Baron ha sviluppato iniziative sia spirituali, come incontri di preghiera e formazione all’apostolato, che materiali come l’apertura di Casa Annunziata per anziani soli, aperta anche ai sacerdoti.



La realtà mariana di San Martino sostiene e promuove iniziative di carità in Africa (Kenya in particolare), Asia e America Latina. Si è dotata inoltre di alcuni strumenti della comunicazione come Radio Kolbe che trasmette localmente in Fm, via satellite in Europa e in tutto il mondo via internet. È sobrio il programma del trentennale del 25 marzo: alle 11 la messa al Cenacolo di Preghiera di via Tombon, preceduta dal saluto di Gino Marta, presidente dell’associazione Opera dell’Amore.



Nel primo pomeriggio e alla sera, alle 15 e alle 21, la Via Crucis al Monte di Cristo, dove per qualche istante si farà memoria dei numerosi momenti in cui la Madonna, Regina dell’Amore, si manifestò a Renato Baron. Sotto attese a Schio alcune migliaia di persone.



Così Renato Baron raccontò l’esperienza della prima apparizione del 25 marzo 1985, all’interno della chiesetta di San Martino. “...Ho recitato il Rosario e una preghiera che dicevo da bambino nella chiesetta di San Martino durante il mese di maggio. Mi ricordo che non finii la seconda Ave Maria, che mi sono sentito il corpo morire e svanire l’anima… Non vedevo più niente intorno a me, non sentivo più niente. La statua della Madonna si è messa a parlare, a muoversi. Per me era viva, Ella sorrideva con occhi bellissimi e mi disse: ti aspettavo anche ieri, da oggi in poi verrai sempre qui, perché devo parlare con te di tante cose e poi... scriverai, ma intanto aspetta. Vieni domani e ti dirò il resto”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 19 Marzo 2015, 15:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Da trent'anni il mistero religioso
delle apparizioni di Maria
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2015-03-20 10:12:41
Non capirò mai... ... come si possa essere così influenzati da questi personaggi che, magari in buona fede, dicono di vedere la Madonna ma nei fatti tutti sanno bene che esistono le suggestioni e anche le allucinazioni. Quindi, quello che stupisce non è questo signore ma la folla che lo sostiene.
2015-03-20 09:50:24
schio dove sono i criticoni che dicono: i veggenti tipici del sud
2015-03-19 21:57:54
La debolezza umana non ha limiti! La psicolabilità è il principio di grande sofferenza umana di sempre, purtroppo, la debolezza umana è enorme.
2015-03-19 20:31:27
misteri risolvibili nulla è davvero come sembra. la ragione aiuta ma ha i suoi limiti fisiologici. solo guardando oltre la siepe troverai la soluzione e non è detto che sia per forza un mistero........