I coltelli di Maniago premiati ad Atlanta

MANIAGO - La coltelleria di Maniago LionSteel, interrompendo la ultradecennale egemonia statunitense, è stata premiata sabato ad Atlanta (Usa) alla fiera Blade Show. L'impresa presieduta da Gianni Pauletta si è aggiudicata i due premi più prestigiosi: miglior azienda e miglior prodotto. Spiega Gianni Pauletta, di rientro dagli Stati Uniti: «Il primo è un premio all'azienda nel suo complesso. Significa che siamo i migliori produttori di coltelli e di migliore qualità al mondo, il che ci inorgoglisce». I maniaghesi hanno strappato la palma d'oro a un'azienda americana che lo stava vincendo consecutivamente da oltre 10 anni ed è la prima volta che tale prestigioso riconoscimento esce dagli Usa. Quanto al premio per il migliore coltello vi sono diverse categorie: il miglior coltello americano, il miglior coltello d'importazione, il migliore design, il miglior coltello da collezione e molte altre. «La Overall rappresenta il prodotto che tra tutte le categorie ha ottenuto il punteggio più alto, ci siamo aggiudicati anche questo. Non ci posso ancora credere» commentae Pauletta. LionSteel conta 20 addetti, negli ultimi tre anni ha raddoppiato il fatturato grazie anche a una coraggiosa operazione di investimenti in tecnologia e ricerca & sviluppo. I soci sono Gianni, Massimo e Daniele Pauletta, socio fondatore Gino Pauletta con la moglie Cesarina. LionSteel ricava il 94% del proprio fatturato all'estero, in 34 Paesi. «Abbiamo realizzato il primo coltello al mondo utilizzando un laser selettivo. Si tratta di una tecnologia molto costosa e per il momento utilizzata prevalentemente per impieghi aerospaziali. Partendo dalla polvere del titanio abbiamo costruito un manico solido scheletrizzato integrale. Ciò significa massima resistenza meccanica con il minimo peso».
Fabio Della Pietra
© riproduzione riservata

Martedì 10 Giugno 2014, 05:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
I coltelli di Maniago premiati ad Atlanta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER