«Il trasporto non è uguale per tutti»

AGORDO - È ufficiale, anche i lavoratori dell'area Officina in Luxottica lavoreranno sabato 7 e 14 marzo e sarà flessibilità positiva. «È così - conferma Luigi Dell'Atti della Rappresentanza Sindacale Unitaria - l'azienda ha richiesto questo impegno in seguito alla crescita dei nuovi modelli». Erano anni che non veniva richiesto questo impegno straordinario per l'Officina che interessa 100 lavoratori. Nei giorni scorsi è stato confermato che al lavoro prefestivo si recheranno anche le maestranze del magazzino. «Sarà però uno straordinario incentivato - dice Dell'Atti della Cgil - per le giornate del 14 e 21 marzo, entro venerdì in accordo con l'azienda sarà deciso se lavorare o meno anche il quarto sabato del mese di marzo». Non sono invece del tutto positivo le novità relative ai mezzi di trasporto. «Nella ventina di assemblee di quest'ultimo periodo - dice Luigi Dell'Atti - ho trasmesso un messaggio importante e unitario a nome della Rsu: a livello di contratto nazionale la flessibilità è uno strumento che l'azienda potrebbe attuare senza coinvolgere le Rsu, è sufficiente esporre in bacheca le date e noi lavoratori siamo obbligati a non mancare dal lavoro. Con il contratto integrativo abbiamo però inserito anche la tematica trasporto, ovvero delle migliorie. Dal rientro delle ferie di Natale però, solo l'azienda e quindi a livello unilaterale, ha deciso che per alcune tratte »scariche", cioè con poca utenza sotto un certo tetto di adesione, non metterà a disposizione i mezzi di trasporto". Ad esempio, i lavoratori della Valle del Biois che scendono da Falcade (circa 12 lavoratori) tre settimane fa sono rimaste appiedati. «È successa la stessa cosa ai colleghi di Fiera di Primiero e sabato scorso anche a 9 dipendenti della Val Belluna. Per loro nessun servizio di trasporto - dice Dell'Atti - perché l'azienda non lo ha previsto. Come Rsu (Cgil-Cisl e Uil) abbiamo analizzato il problema, chiesto un incontro urgente con Luxottica perché è nostra intenzione proporre le nostre idee affinché sia ripristinata equità per tutti i lavoratori. Questa è una conquista del contratto sindale, se non utilizziamo questo lo strumento dei trasporti scomparirà. Attendiamo le risposte e le novità dall'azienda, noi siamo sul pezzo».
Mirko Mezzacasa

Sabato 28 Febbraio 2015, 05:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Il trasporto non è uguale per tutti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER