Orsoni torna libero e sindaco, chiede
di patteggiare: «Io non mi dimetto»

Orsoni torna libero
e sindaco, chiede
di patteggiare
4 mesi: «Non
mi dimetto»
VENEZIA - Non mi dimetto. Giorgio Orsoni, tornato sindaco dopo la revoca della sospensione, è apparso molto provato, ha parlato ai giornalisti a Ca' Farsetti. Ma in serata arriva la mazzata: l'assessore Tiziana Agostini si dimette in aperta polemica con la giunta.

Su questa svolta il sindaco non è sembrato preoccupato: «Me lo dite voi giornalisti, non ne so nulla...».



La difesa del sindaco. «Non ho mai gestito la mia campagna elettorale. Mi sono sempre opposto ai troppi che vogliono sfruttare la città anche in modo non corretto. Mi sono fatto molti nemici e questo è lo scotto che devo pagare. Mi addolora la distanza che molti hanno preso da me», riferendosi al Partito Democratico.



Poi, a domanda su quanto detto dall'ex presidente di Cvn riguardo a soldi che gli avrebbe, almeno in una occasione, portato a casa in una busta, ha detto: «Giovanni Mazzacurati è un millantatore».







Orsoni ha specificato di non aver mai immaginato «che venissero utilizzati sistemi illeciti» per la sua campagna elettorale nel 2010. Per Orsoni a ricevere il denaro era il suo mandatario: «non potevo sapere che i fondi fossero illeciti» e «su come le aziende del Cvn reperissero quel denaro». Ho incontrato durante la campagna elettorale - ha aggiunto - «imprenditori o sedicenti tali che mi hanno detto che mi avrebbero sostenuto e votato senza sapere come e perché».




«Credo che questo provvedimento di revoca di arresti domiciliari si commenti da solo - ha concluso - dopo una settimana e il chiarimento avvenuto lunedi con il pm. Devo dire che era un pezzo che chiedevo alla Procura di consentirmi di dare elementi di chiarezza sulle vicende. Ho chiarito, credo nel modo più inconfutabile, che nessun coinvolgimento mio diretto come prospettato dal provvedimento è mai avvenuto. Ho deciso di non dimettermi perché

non ci sono le condizioni oggettive per farlo, non ho nulla personalmente da rimproverarmi
». Quanto a Mazzacurati ha detto: «Ho incontrato l'ing. Mazzacurati più volte, e fu lui a propormi di sostenere la mia campagna elettorale attraverso canali che ho sempre ritenuto leciti. Ho consegnato anche a lui, come ad altri - ha aggiunto - il numero del conto corrente per la campagna, convinto fosse tutto lecito
».

Orsoni ha spiegato che la sua frequentazione con Mazzacurati era legata anche al fatto che questi era cliente del suo studio legale. «Fu lui ad insistere per sostenere la mia campagna - ha proseguito Orsoni - dicendo che questo era un compito che si era assunto da sempre in precedenti campagne elettorali, con tutti gli altri candidati a sindaco, perché non voleva che chi vinceva potesse incolparlo di non averlo sostenuto».



Erano stati revocati questa mattina i domiciliari al sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, arrestato nell'ambito dell'inchiesta Mose. Secondo il giudice non ci sono più le esigenze di custodia cautelare, dopo l'interrogatorio del primo cittadino.

Gli avvocati Daniele Grasso e Mariagrazia Romeo avevano presentato l'istanza al gip Alberto Scaramuzza. Più tardi si conosceranno le motivazioni del provvedimento.



Orsoni era stato arrestato, e posto ai domiciliari, il 4 giugno scorso, assieme ad altre 34 persone nell'ambito dell'operazione della Gdf su presunte tangenti e finanziamenti illeciti collegati agli appalti del Mose.



Potrebbe uscire dall'inchiesta patteggiando 4 mesi con la sospensione condizionale della pena. I suoi difensori hanno concordato il patteggiamento con i pm Stefano Ancilotto, Stefano Buccini e Paola Tonini dopo l'interrogatorio dell'altro giorno. Spetterà comunque al gup pronunciarsi sulla congruità della pena.



Giorgio Orsoni è quindi tornato sindaco a tutti gli effetti dopo la remissione in libertà decida dal gip. La carica era stata sospesa, dopo il provvedimento di arresti domiciliari nell'inchiesta Mose oggi revocato dal Gip, dal prefetto sulla base di quanto prevede dalla legge Severino.




Tutti i servizi sul Gazzettino in edicola il 13 giugno
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Giugno 2014, 11:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Orsoni torna libero e sindaco, chiede
di patteggiare: «Io non mi dimetto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 106 commenti presenti
2014-06-13 08:22:02
e bravo il vostro sidaco che avete votato se la legge è uguale per tutti, e vige le libertà di rubare legalmente, basta patteggiare poi, si ritorna pure in carica pubblica come niente fosse subito dopo. allora io e tutti gli altri cittadini, visto che non possiamo mettere le mani su malloppi così ingenti come i nostri sindaci, possiamo nel nostro piccolo andare a rubare nei supermercati,(in altri posti non abbiamo nessuna possibilità) e se ci pescano basta patteggiare e pagare una multa proporzionata a quella che ha pagato il nostro sindaco, un centesimo del valore del furto, tenendo anche il mal tolto se è stato già mangiato! se è così vuol dire che la legge è uguale per tutti e mi devo ricredere del comportamento dei giudici, si ruba im proporzione alla capacità della carica che occupiamo o del cetto sociale. basta scriverlo sul giornale e comunque voglio anch\'io uno studio legale gratis come quello di orsoni per la difesa della mia presunta scatola di tonno rubata al supermercato. che schifo di italia. mi vergogno
2014-06-13 08:17:02
Congratulazioni Grande, Grandissimo, Stimatissimo Sindaco. El Rey, The King. A very important person. Vero Talian!
2014-06-13 06:58:21
orsoni per me non rappresenta più la citta di Venezia , tutto ciò che farà e dirà da oggi in poi andar nel dimenticatoio, non voglio che la mia citta sia gestita da un indagato .
2014-06-13 06:16:02
dubbi iniziali In effetti i corruttori ( non bisogna gettare la croce solo sui corrotti)hanno tutto il vantaggio a spargere mazzette anche sotto forme legali , in modo da confondere le acque ...tanti colpevoli= proprie colpe annacquate.Poi possono sempre ricattare chi li controlla con la strategia del \" tu quoque\".Sono convinto che non solo i servizi delle Guardia di finanza filmano le consegne e registrano le telefonate, ma anche i datori di mazzette...con aggeggini elettronici nascosti, in modo da ricattare se poi vengono messi bastoni tra le ruote.Se uno ti offre di finanziare la tua campagna elettorale in modo legale , e tu ci caschi...ma non viene il dubbio che poi si presenti a chiedere favori e che se non li riceve tira fuori o fa tirar fuori da portaborse le dazioni? \"Timeo Danaos dona ferentes\"..vecchi detti imparati al liceo,reperibili col web nei siti di detti e proverbi latini.
2014-06-13 05:19:00
Agostini via ? Una liberazione, non ne faceva una di giusta.