Rapina nella villa del senatore Basso:
preso latitante, rissa con i parenti

Sabato 11 Gennaio 2014
La villa Basso e l'arrestato
8

SAN STINO DI LIVENZA - Latitante da circa sei mesi lo hanno arrestato ieri sera nella casa di famiglia a San Stino di Livenza (Venezia).

E non sono mancati momenti di tensione visto che i carabinieri di Portogruaro hanno dovuto superare le resistenze dei parenti.

Marocchino, 25 anni, Abdelmounim Ennaj, era l'utimo componente rimasto in libertà della banda che organizzò la brutale rapina nella villa dell'ex senatore Pd Marcello Basso a San Stino: era il 22 ottobre del 2010 e la moglie del parlamentare, Antonella Brocca, medico di base venne sorpresa al rientro e picchiata a sangue. I responsabili dell'aggressione vennero inchiodati un paio di mesi dopo, individuando il basista nel nipote di Basso, Francesco Martin, e i due eseceutori materiali nell'albanese Alì Istrefi, che confessò, e appunto in Ennaj: tutti condannati con sentenza irrevocabile.

Il magrebino si era reso irreperibile: scaduti i termini di custodia cautelare nel luglio del 2011 era stato ospitato in vari centri di permanenza in attesa delle formalità per l’espulsione, ma lui si era allontanato. Fino a ieri: deve scontare 2 anni e 5 mesi di reclusione.

Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio, 09:14