Cipriani: «La città colpita al cuore,
ma tutto si sapeva da molto tempo»

PER APPROFONDIRE: cirpiani, mose, tangenti, venezia
Cipriani: «La città colpita al cuore,  ma tutto si sapeva da molto tempo»
VENEZIA - Venezia colpita al cuore «da amministratori piccolo borghesi».

A parlare con tanta amarezza dell'inchiesta sugli appalti del Mose è un veneziano doc, Arrigo Cipriani, patron dell'Harry's Bar. «Che sensazioni mi suscita questa nuova inchiesta? - riflette Cipriani con l'Adnkronos - La mia città è stata colpita al cuore ma dico anche che ora ci si sbalordisce di ciò che si sapeva da tanto tempo. E si sapeva perchè questa è un'opera folle. E non sarà nemmeno l'ultima inchiesta perchè la verità è che siamo governati da amministratori piccolo borghesi. Gente che non spende i soldi per il bene della mia città».

Cipriani riflette su quanto sta emergendo con l'inchiesta: «ora il sindaco Giorgio Orsoni prende le distanze dal saccheggio. Eppure chiunque ricorda le immagini del sindaco che andava a visitare i cantieri con l'elmetto. Perchè non prendere le distanze prima? Per carità - aggiunge il patron dello storico locale tra i simboli di Venezia - la magistratura ha fatto un lavoro straordinario ma il problema è che la città va liberata dai vecchi individui che continuano ad avere le mani in pasta».

Cipriani cerca di guardare avanti. «Ad un certo punto questa inchiesta che ha portato a galla sprechi e saccheggi è quasi una liberazione. Mi rendo conto che può sembrare un paradosso ma da 82enne dico che i giovani non sono così, non sono corrotti. Però quanta amarezza: è corruzione anche vedere e non intervenire», conclude Cipriani.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 7 Giugno 2014, 13:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cipriani: «La città colpita al cuore,
ma tutto si sapeva da molto tempo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2014-06-11 15:24:49
Cipriani se sapeva in qualche modo doveva parlare, questo valle anche per tutti gli altri che erano al corrente, ciò vuol dire che Lei fa parte di quel branco, suoi amici
2014-06-08 20:38:41
brava lapaoletta come sempre, infatti il Sig. Cipriani dice che si sapeva tutto da molto tempo e guarda caso oggi salta fuori che il dott. Cuccioletta, veneziano \"dde Roma\", qualche pranzo importante lo organizzava proprio nel suo locale....come a dire che se le indagini in Italia invece che affidarle ai finanzieri si affidassero ai camerieri la verità verrebbe a galla in un battibaleno
2014-06-08 17:48:24
Chissà quante volte Il Sig. Cipriani avrà ospitato questi amministratori piccolo borghesi con i loro amici vari nel suo locale, magari con cospicui sconti sulle consumazioni......
2014-06-08 08:16:23
Purtroppo come dimostra lo scandalo del mose, il problema sono i veneti coinvolti. Tutto il mondo è paese. Nord, sud, est e ovest itaglia è la stessa cosa. Cortina insegna. Ciao.
2014-06-07 17:38:35
I sindaci piccolo borghesi Amministratori piccolo borghesi? Ma Cipriani considera Cacciari un piccolo borghese? Di buona famiglia con risorse considerevoli. icona della sinistra e di Repubblica e principe del radicalscicchismo veneziano ed italiano tutto, intervistato da tutti i media, prezzemolino in tutte le tv anche le piccoli locali, che si fa bello bellino dicendo che lui non solo ha sempre ostacolato il Mose, ma ora ci viene anche a dire che la corruzione sulle grandi opere pubbliche ed in particolare sul Mose erano facilmente immaginabili? Però non si é speso minimamente a segnalare all\'autorità giudiziaria il probabile malaffare. Figurarsi, seduto sulla poltrona del potere senza essere in possesso del minimo di qualità e competenza ma usando astutamente la carica di sindaco e di filosofo solo come trampolino pubblicitario per il suo sconfinato narcisismo ed egocentrismo. Puoi immaginarti se denunciava il sistema di potere su cui era seduto compiaciuto, bello e contento.