La preside della scuola dello scandalo
si difende: «Noi non c'entriamo»

PER APPROFONDIRE: castelfranco, preside, video hard
La preside della scuola dello scandalo  si difende: «Noi  non c'entriamo»

di Maria Chiara Pellizzari

CASTELFRANCO - «L’episodio è successo fuori dalla scuola e l'istituto non poteva certo prevedere il verificarsi di un fatto così eccezionale»: la preside della scuola dove studiano due dei 4 protagonisti della vicenda, prende di petto la questione. «Noi abbiamo sempre offerto percorsi formativi che comprendono anche un supporto nell'affrontare l'approccio dei ragazzi con l'affettività. L'anno scorso i ragazzi hanno anche seguito delle lezioni sull'utilizzo delle nuove tecnologie».



Ma da quest'anno ci sono delle novità. «Abbiamo instaurato una collaborazione con il Consultorio, che l'anno scorso offriva il suo supporto solo nell'attività formativa delle scuole superiori, facendo rete, per fornire tutti gli strumenti ai ragazzi». Insomma la prevenzione, secondo la preside, c'è.



La famiglia e lo psicologo che segue la 13enne hanno però chiesto di sensibilizzare gli studenti su quello che è accaduto. «La famiglia ha fatto tutto quello che doveva e poteva fare. Il rischio è che lei continui ad andare a scuola senza che nessuno capisca quello che è successo - precisa lo psicoterapeuta - . I rapporti con i compagni di classe fino ad oggi sono stati ambivalenti. Nei giorni scorsi si sono anche diffuse alcune voci fantasiose, di cui la 13enne è a conoscenza, secondo cui la ragazza si era trasferita o addirittura suicidata.



«Bisogna lavorare perchè la fantasia dei ragazzi non corra troppo e non produca più danni di quelli giù fatti». La scuola comunque si sta attivando anche per tamponare gli effetti della vicenda prima che abbiano conseguenze ancor più gravi.



«Noi lavoriamo in collaborazione con i carabinieri -continua la preside - . L'anno scorso abbiamo lavorato con l'agenzia Bimbi in rete e anche dopo il caso della giovane mamma abbiamo chiamato una psicologa». E il consiglio di far cambiare scuola ai ragazzi? «L'abbiamo dato, è vero. Ma solo per tutelare la loro emotività. Volevamo evitare che il clima a scuola complicasse la situazione. Non pensavamo che la ragazza fosse pronta ad affrontare lo stesso ambiente dopo quello che è successo». Invece lei ha reagito alla grande, mentre il compagno di classe coinvolto nella vicenda alla fine ha cambiato istituto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 7 Dicembre 2014, 14:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La preside della scuola dello scandalo
si difende: «Noi non c'entriamo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2014-12-08 17:07:54
Commento inviato il 2014-12-07 alle 16:12:41 da #gazzettino262359 Sono d\'accordo con te. Per Patrizia: sarei anche d\'accordo, ma due fatti del genere nella stessa scuola non possono essere coincidenza.
2014-12-07 20:54:02
@#gazzettino262359 Più che gli insegnanti qui sono assenti i genitori!! Mi dica cosa avrebbero dovuto fare gli insegnanti......chiedere di entrare in \"what\'s app\" nella \"cerchia\" degli amici dei loro alunni?? Quello che succede fuori dalla scuola non è \"colpa\" degli insegnanti, sempre che i ragazzi non siano istigati da questi (e non mi pare questo il caso) Togliete a questi minorenni sempre più istupiditi da smartphone, iphone, ipad eccccc.. questi strumenti che non riescono a controllare!!
2014-12-07 16:12:41
Una scuola di riproduzione Prima un\'orgia di due maschietti con una tredicenne ,poi una gravidanza di una tredicenne dovuta ad un dodicenne. Sempre nella stessa scuola. I casi sono due. O che a Castelfranco il sesso si consuma tra bambocci come il gelato o che gli insegnanti sono totalmente assenti in quella scuola.