Tunisini beffano decine di sacerdoti:
vita di lusso con le offerte dei fedeli
Truffati i parroci di undici province

Mercoledì 17 Giugno 2015 di Redazione Online
82
TREVISO - Una beffa atroce, anzui una vera e prorpia truffa per decine di sacerdoti del Nordest: i carabinieri di Castelfranco Veneto hanno portato alla luce una consistente truffa messa segno da tre tunisini ai danni di numerosi sacerdoti del Nordest che hanno sborsato decine di migliaia di euro pensando di fare opere caritatevoli. Secondo quanto scoperto dall'Arma gli immigrati sono riusciti a impietosire i prelati facendosi consegnare ingenti somme per pagare le spese di funerali di familiari, per l'assistenza sanitaria privata, per corsi di inserimento al lavoro e molte altre situazioni di disagio che si è poi scoperto essere tutte fasulle.



In gran parte i sacerdoti, una volta sentitisi buggerarti, non hanno sporto denuncia che hanno poi fatto solo dietro convincimento degli investigatori. I militari hanno scoperto che le vittime prese di mira in Trentino Alto Adige come in Friuli Venezia Giulia, e sopratutto in Veneto (nelle province di Padova, Treviso, Vicenza, Belluno, Rovigo). Alcuni sacerdoti hanno prelevato denaro dal Fondo di Solidarietà, elargendo somme anche di 5 mila euro alla volta. Cifre consistenti per un 'bottino' utilizzato dai tunisini, due residenti nel Trevigiano e uno nel Bellunese, per fare la bella vita fra il lusso.



Il fenomeno secondo i carabinieri sarebbe più esteso di quello finora accertato.
Ultimo aggiornamento: 14:49

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci