A Galan un milione all'anno e villa
sui colli Euganei ristrutturata
Baita si lamentava: «È esoso»

Giancarlo Galan e la villa ristrutturata sui colli Euganei

di Beatrice Mani

VENEZIA - È Claudia Minutillo, l'ex fidatissima segretaria, a raccontare come funzionava il sistema corruttivo nel quale sarebbe coinvolto anche l'allora presidente del Veneto (lo è stato per ben 15 anni) e attualmente parlamentare di Forza Italia Giancarlo Galan. È proprio lei - come si legge nell'ordinanza - a confermarela "piena partecipazione" del politico (e anche dell'assessore alle Infrastrutture Renato Chisso): somme ingenti versate più volte durante l'anno, racconta, delle quali aveva saputo direttamente da Piergiorgio Baita che si era sfogato con lei: «È esoso».



Quel denaro serviva "per agevolare il Gruppo Mantovani nella presentazione e nell'iter burocratico relativi ai project financing che le società del gruppo Serenissima Holding presentavano in Regione". "Quiando Galan era presidente - ricorda la Minutillo - il controllo delle commissioni e degli assessorati era praticamente totale".



STIPENDIO ANNUALE DA CAPOGIRO PER GALAN E CHISSO

Sempre nell'ordinanza si legge di una sorta di "stipendio" annuo, dato a Giancarlo Galan, di circa un milione di euro. Cifre da capogiro: 900mila euro tra il 2007 e il 2008 "per il rilascio nell'adunanza della Commissione di Salvaguardia del 20 Gennaio 2004, del parere favorevole e vincolante sul progetto definitivo del "Sistema MOSE"". Ma non bastano: tra il 2006 e il 2007 ancora 900mila euro erano state versate "per il rilascio dell'adunanza del novembre 2002 e del gennaio 2005 del parere favorevole della COmmissione VIA della Regione Veneto si progetti delle scogliere esterne alle bocche di porto di Malamocco e Chioggia".



Renato Chisso riceve di meno, ma gli viene garantito uno stipendio annuale oscillante tra i 200mila e i 250mila euro, dalla fine degli anni '90 - si legge ancora nell'ordinanza - fino ai primi del 2013. Non solo, secondo le contestazioni fatte dal gip di Venezia Alberto Scaramuzza, lo "stipendio" è stato consegnato "anche all'interno degli uffici della Regione Veneto". Secondo l'ordinanza, il presidente del Consorzio Nuova Venezia Giavanni Mazzacurati avrebbe corrisposto "personalmente e nell'ultimo periodo per il tramite di Sutto, anche all'interno degli uffici della Regione Veneto, uno stipendio annuale oscillante tra i 200mila e i 250mila euro".



GALAN E LE MAZZETTE NELL'HOTEL

Soldi in contanti, ricevuti e intascati, ecco nel dettaglio quanto gli inquirenti contestano all'ex presidente del Veneto Giancarlo Galan: avrebbe ricevuto 200mila euro nel 2005 all'Hotel Santa Chiara di Venezia da Piergiorgio Baita attraverso la Minutillo (per finanziare la campagna elettorale). E ancora, 50mila euro nel 2005 versati in un c/c presso S.M International Bank Spa di San Marino (più cospicui finanziamenti per le campagne elettorali consegnati sempre da Baita alla Minutillo).



MAZZETTE ANCHE PER CHISSO

A Renato Chisso è contestata la ricezione di 250mila euro tra fine 2011 e inizio primavera 2012 all'Hotel Laguna Palace di Mestre, più centinaia di migliaia di euro consegnate annualmente da Sutto, Minutillo; Baita e Buson anche attraverso il segretario di Chisso, Enzo Casarin.



DENARO LIQUIDO MA NON SOLO

Baita corrompeva e lo sapeva fare in molti modi, come "intestare quote di società che avrebbero guadagnato ingenti somme dalla realizzazione dei project financing a prestanome dei politici di riferimento", gli amici, insomma. Ed ecco che alcune "quote di Adria Infrastruttire sono state intestate alla stessa Minutillio - racconta lei stessa - e alla P.V.P Sri, del Venuti che erano riconducibili rispettivamente a Chisso e Galan".



ANCHE BAITA CONFESSA: GALAN COINVOLTO

Interrogato, anche Piergiorgio Baita ha confermato il pieno coinvolgimento dell'ex presidente nel meccanismo fornendo dettagli sconvolgenti: i versamenti a Galan sono continuati anche quando il politico ha cessato di essere il presidente del Veneto: era lui, comunque, il politico di riferimento.





I Forconi all'assalto della villa di Galan









LA RISTRUTTURAZIONE DELLA VILLA DI GALAN

Fra le contestazioni a Galan ce n'è una particolare: quella di aver ottenuto il pagamento della ristrutturazione della propria villa di Cinto Euganeo, nel Padovano. Nel 2007/2008 venne ristrutturato il corpo principale e nel 2011 la barchessa dal Tecnostudio Srl a portarli a termine "che sovrafatturava alla Mantovani alcune prestazioni effettuate presso la sede Mantovani e presso il Mercato Ortofrutticolo di Mestre". Insomma, la casa diventava una reggia e Galan non sborsava un soldo: con le fatture false l'unica a pagare era la Mantovani. E non si parla di briciole: per la ristrutturazione la Mantovani ha sborsato 1.100.000 euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 4 Giugno 2014, 13:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
A Galan un milione all'anno e villa
sui colli Euganei ristrutturata
Baita si lamentava: «È esoso»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 64 commenti presenti
2014-07-11 11:49:00
il paese dei \"bocconi\" galan: 1-master alla Bocconi 2-ha ricevuto molti,molti \"bocconi\"(quando si dice:è di bocca buona!) 3-ora sta mandando giù,ed è giusto,bocconi amari
2014-06-10 15:27:51
Galan e le Tangenti Se è confermato confisca IMMEDIATA!!! Come si fa con i mafiosi
2014-06-06 13:57:38
che scandalo lo scandalo più grande d\'Italia, e dopo avete il coraggio di criticare il sud, già si è visto.
2014-06-06 13:03:44
Galan e gli ospedali Tutto quello che è stato rubato deve essere restituito da questi ladroni ingordi e poi ai lavori forzati! Se poi la magistratura indaga sugli ospedali del Veneto (primi fra tutti quelli di Mestre e Padova)Galan ha sistemato parenti ed amici anche senza concorso pubblico e nominato primari gente immeritevole che vive alle spalle dei dipendenti! Vergogna... In galera!
2014-06-05 16:38:16
Enrico2 salutami i tuoi amiconi conterranei come galan, chisso e gli altri tuoi concittadini del mose. Ciao enrico 2.