Il Veneto vieta i cani alla catena
e il Governo ricorre alla Consulta

PER APPROFONDIRE: cani, catena, regione veneto
Il Veneto vieta i cani alla catena  e ​il Governo ricorre alla Consulta

di Alda Vanzan

VENEZIA - Non ci sono solo crisi e disoccupazione. In Italia c’è pure il serio problema della "cuccia di Fido". Questione sorta in Veneto ma che a Roma hanno immediatamente stoppato, interessando nientemeno che la Consulta. Sissignori: la legge regionale del Veneto approvata tre mesi fa per vietare che gli animali d’affezione siano tenuti a catena, è stata impugnata dal Governo. Il ministero dell’Ambiente ha ritenuto che l’articolo riguardante le cucce dei cani sia incostituzionale. E ha fatto ricorso alla Consulta. A Palazzo Ferro Fini quando hanno visto le carte dell’Avvocatura generale dello Stato hanno faticato a crederci: con tutti i problemi che ci sono, Palazzo Chigi trovano il tempo di preoccuparsi dei recinti per i cani?

Leonardo Padrin, capogruppo di Forza Italia, nonché presidente della commissione Sanità, era stato il proponente della legge numero 17, approvata lo scorso 19 giugno, sul divieto delle catene per i cani. «Una legge di civiltà», aveva detto all’epoca Padrin, spiegando che con la nuova norma cani e animali di affezione "non potevano più essere sottoposti a strumenti di costrizione, se non per specifiche e accertate esigenze di sicurezza o veterinarie, e dovevano usufruire di appositi recinti di adeguate dimensioni, anche in deroga ai regolamenti urbanistici". Ecco, è stata proprio la previsione di una deroga agli strumenti urbanistici a portare il governo ad impugnare la legge. Secondo il ministero dell’Ambiente, infatti, le deroghe da parte della Regione andrebbero contro la normativa nazionale in materia di tutela ambientale, di cui lo Stato ha competenza legislativa esclusiva, nonché quella europea relativa alla tutela nell’ambito della Rete natura 2000.

«Avevamo già spiegato al ministero che non si voleva andare contro la legge statale né contro le direttive europee, tant’è che la materia doveva essere specificata dalla giunta con un apposito regolamento - ha detto Padrin - Comunque, a questo punto non ci resta che rivolgerci al premier Renzi: Matteo, non fermare la civiltà. Non ha senso impegnare la Corte costituzionale, troviamo una soluzione legislativa». Renzi, però, nel frattempo rischia di essere sommerso di mail (Padrin ha diffuso l’indirizzo: matteo@governo.it) e appelli via Twitter (@matteorenzi) e Facebook.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Settembre 2014, 22:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Veneto vieta i cani alla catena
e il Governo ricorre alla Consulta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2015-08-22 12:11:42
Mah, a leggere bene l'articolo mi sembra che di fatto le catene non c'entrino proprio nulla e che la vertenza sia sul fatto che la regione ha legiferato su un materia di specifica competenza dello stato, cioe' una norma sulla tutela ambientale...
2014-09-12 16:41:02
Manicomio,manicomio manicomio venerandi maestri, vi sentite davvero in diritto di parlare tanto? guardate che paese avete contribuito a mettere in piedi, voi e i vostri saggi avi. e pensate che lo lasciate ai vostri adorati figli, nipoti e pronipoti. da decenni siete la barzelletta del pianeta intero. e i veri problemi che avete voi illuminati \"maturi\", quali sono, esclusi quelli di natura urologica? alcuni di voi commentano soltanto notizie su animali e preti, mi pare... che la bussola di cui spesso parlate sembra capace soltanto di indicarvi l\'altare o il didietro del prossimo. saluti, grandi omeneti
2014-09-12 13:53:51
conosco gente che tiene il cane alla catena, quelle con il filo dove il cane corre per tutto il giardino, perchè se lo mollano è già in mezzo alla strada sotto ad un\'auto. con danni per l\'auto ma soprattutto per lui. hanno anche un secondo cane che invece non esce mai.
2014-09-12 13:52:06
e che\' non vietare... ....di tenere i cani in appartamento!!questa e\' crudelta\'!!!
2014-09-12 12:59:08
la libertà è uno stato d\'animo la virtù sta nel mezzo. si può essere alla catena ed essere liberi. ed essere liberi ma incatenati.