Strage nella fattoria, asini e cavallo
avvelenati dagli addobbi di tasso

CORDENONS (PN) - Il recinto dove vivevano gli animali

di Lara Zani

CORDENONS - Una storia di Natale, ma decisamente senza il lieto fine. Natalizi sono i protagonisti, sei asinelli e un cavallino, come le bestiole attorno alla mangiatoia in cui dorme Gesù Bambino, e natalizia è anche la casetta in legno decorata per celebrare le feste e che si è rivelata fatale per gli animali. Gli asinelli e il cavallino sono morti tutti per avvelenamento nel giro di poche ore, dopo essersi inavvertitamente cibati delle piante velenose utilizzate per gli allestimenti natalizi e finite accidentalmente alla loro portata.



La vicenda è avvenuta una decina di giorni fa in via San Michele a Cordenons (Pordenone), nel recinto con alcuni ricoveri nel quale Domenico Todisco alleva una varietà di animali: oltre agli asinelli, cavalli, galline, caprette, piccoli cinghiali e così via. A raccontare l'accaduto è lo stesso proprietario della piccola fattoria: «Abbiamo addobbato la casetta di legno per Natale - ricorda - rivestendola con alcuni rami di tasso e alcuni residui di ramaglie sono rimasti a terra. Una capretta li ha tirati dentro il recinto, e gli asinelli e il cavallino le hanno mangiate avvelenandosi e morendo senza che avessimo neanche il tempo di riuscire a capire che cosa stesse loro accadendo».



Gli animali morti erano tutti molto giovani, per lo più di età compresa fra i due-tre e i cinque-sei anni, e vivevano da tempo nel piccolo allevamento di proprietà di Todisco. Il Tasso, dell'ordine delle conifere, è chiamato "albero della morte", perché i suoi rami, foglie e semi contengono un alcaloide, la tassina, che ha un effetto narcotico e paralizzante sull'uomo e su molti animali domestici.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 28 Dicembre 2013, 12:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strage nella fattoria, asini e cavallo
avvelenati dagli addobbi di tasso
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti