Pulisce le armi per la caccia: parte
un colpo accidentale e ferisce il padre

PER APPROFONDIRE: carabina, colpo, incidente, tribano
Pulisce le armi  per la caccia: parte  ​un colpo accidentale e ferisce il padre
TRIBANO - Parte un colpo accidentale dalla carabina del figlio, sessantenne resta ferito alla spalla. Operato d'urgenza all'ospedale di Schiavonia, le sue condizioni non destano preoccupazioni. La vittima è L.Z., padre di famiglia. Dalla ricostruzione a colpirlo in maniera fortuita sarebbe stato il figlio di 38 anni. Tutto si è svolto all'interno delle mura domestiche. Il figlio si trovava in una stanza a pulire le armi e a preparare i fucili per andare a caccia. A casa del sessantenne è giunto un amico di famiglia. Il padre, con il conoscente, è andato in camera dal figlio. Mentre quest'ultimo stava riponendo la carabina calibro 22 nell'armadietto, in maniera del tutto accidentale è partito un colpo. Sono stati attimi di panico: L.Z. si è adagiato sul letto sanguinante. I presenti, sconvolti, hanno prontamente chiamato il 118...





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 27 Settembre 2015, 09:13






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pulisce le armi per la caccia: parte
un colpo accidentale e ferisce il padre
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2015-09-30 16:50:09
Si dicono sempre le stesse cose, purtroppo accadono sempre le stesse cose.
2015-09-27 22:23:02
Comunque non sono in questi casi colpi partiti in modo9 accidentael ma in modo "stupidentael". Come si fa a riporre l'arma carica?. Io non me ne intendo di caccia e delle sue armi,conosco solo qualche cannoncino da 13 kmt in altezza tipo 90/53,però preferisco quelli siciliani.....con la ricotta!
2015-09-27 21:48:20
.... armi. univa vera igiene del mondo....un giorno faranno comodo... non è la caccia il problema. ma il degrado ambientale ( fatto da tutti) e soprattutto l'inquinamento e la distruzione degli habitat .... la caccia attuale è una fiction alla quale non ci crede più neppure il cane del cacciatore del tutto artificiosa ed artificiale... nel deserto asfittico, antropizzato ed iper avvelenato non esiste da tempo ( e più esisterà) vita naturale..... oggi l'agro\industria è una delle industrie più inquinate ed inquinante di tutto il sistema consumistico.... i cacciatori ( quei pochi veri\anziani\onesti e coscienziosi) sono anche loro delle vittime....... anche se la caccia dovesse chiudere subito non ci sarebbe vita comunque ne nei cieli, ne sulla terra... es: rondini, balestrucci, averle, rigogoli, torcicolli, rondoni ecc. da sempre protette ( sic ) e ormai scomparse.. per non dire dei passeri ubiquitari e ciarlieri pressoché estinti in pochi anni ( 2\3 ).... la natura è un libro aperto, scritto facile, ma bisogna saperla leggere.... con le ideologie non si va da nessuna parte ( in realtà è la parte che già manca).... parola di rapace....
2015-09-27 12:38:27
bene
2015-09-27 12:37:38
non la stava pulendo, la stava "riponendo" (col colpo in canna... )