Azienda chiude, banche nella bufera:
«Applicati tassi da usura: a processo»

Venerdì 28 Novembre 2014 di Alessandro Bonavetti
6

DUE CARRARE (PADOVA) - Un’azienda costretta a chiudere i battenti: il pm chiede il rinvio a giudizio di tre dirigenti bancari, ipotizzando il reato di usura. Al centro della vicenda la ditta "L’Altra Frutta" di Due Carrare. Secondo l’accusa, il direttore e responsabile del servizio fidi della Banca dei Colli Euganei a Galzignano, il direttore e il vice direttore e responsabile del servizio fidi della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, filiale di Galzignano, «applicavano tassi usurari nel corso dei rapporti economici intrattenuti con la società».

E ieri davanti al tribunale c'è stata anche la manifestazione di Confedercontribuenti con il suo leader Alfredo Bellucco e molti volontari a diffondere volantini e sensibilizzare sul fenomeno.

Ultimo aggiornamento: 20:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA