​Senza lavoro nè cibo: ma niente aiuti,
la Croce rossa: «Manca il certificato»

Domenica 31 Maggio 2015
21

Belluno - È senza lavoro e ha fame, ma la Croce Rossa gli nega l'aiuto. «Chiedevo solo un pacco di pasta e un litro d'olio - racconta un bellunese di 54 anni padre di famiglia, che vuole restare anonimo - ma sono tornato indietro a mani vuote». Ex dipendente della Metalba, l'uomo è senza lavoro da 5 anni, l'economia della sua famiglia si regge sull'impiego precario della moglie ma, per la Croce Rossa, in mancanza di un certificato rilasciato dai servizi sociali del Comune lui non è una persona bisognosa.

Dopo una mattinata passata in fila ad attendere il proprio turno con la speranza di portare a casa qualcosa da mettere in tavola, quello ricevuto mercoledì è stato uno schiaffo inatteso.

«Mi sono sentito umiliato - racconta l'uomo, reduce dall'evento -, le persone davanti a me erano per lo più straniere e io, italiano, non ho ricevuto nulla. Mi è stato detto che devo passare per i servizi sociali del Comune, d'accordo, ma io l'appuntamento l'ho ottenuto tra quindici giorni mentre la fame e il bisogno li avevo mercoledì». L'uomo da cinque anni vivacchia con lavori precari di pochi giorni l'uno e come lui tanti. La sua «colpa» è quella di essere uscito dal mercato del lavoro ad un'età in cui, poi, è difficile rientrare. Ha svolto diversi tirocini in aziende, ma al termine dell'esperienza non c'è mai stata l'assunzione. Così spesso si rivolge ai frati di Mussoi per un pasto e bussa alle parrocchie o alla Caritas per avere qualche pacco di pasta, riso, olio e latte. Finora nessuno gli aveva negato l'aiuto. «Cercano sempre persone più giovani - racconta sfiduciato - o chiedono titoli anche per i lavori più semplici. Io e mia moglie siamo di Napoli, ci siamo trasferiti a Belluno undici anni fa per trovare lavoro, ma ormai è difficile ottenere un impiego anche qui».

Contro i furbetti la Croce Rossa di Belluno da anni si organizza così. Perché sono sempre di più a bussare alla sede di piazzale Marconi e riconoscere chi ha davvero bisogno da chi non ne ha poi così tanto è diventato il vero impegno per le volontarie che due mercoledì al mese gestiscono la distribuzione degli alimenti. «Con la crisi - spiega Maurizio Feltrin, presidente provinciale dell'associazione - sono aumentate le persone bisognose ma anche i furbi, ovvero gente che letteralmente ruba alla mensa dei veri poveri, che ha lo smartphone e l'auto ma per risparmiare e concedersi altri sfizi va a chiedere gli aiuti. Per questo noi da anni sosteniamo solo chi ci è stato segnalato dai servizi sociali del Comune e solo dopo presentazione del modello Isee». Insomma, non si allunga una mano a chi non è considerato al di sotto della soglia di povertà che, in soldoni, significa stipendi dagli 800 euro in giù per i singoli e dai 1100 euro in giù per i nuclei di due persone. Una cernita necessaria, per indirizzare gli aiuti laddove davvero servono e non escludere nessun indigente. Ogni anno la Croce Rossa bellunese distribuisce pasta, riso, olio, tonno, omogenizzati e altro cibo non deperibile per un valore di circa 15mila euro. Ma la richiesta è in continuo aumento e senza una griglia rigida di criteri si rischierebbe di finire in breve i beni disponibili.

E così capita che qualcuno venga anche rispedito indietro. Com'è accaduto lo scorso mercoledì mattina al padre di famiglia di 54 anni che, atteso il suo turno in piazzale Marconi, si è infine visto negare la borsa della spesa perché non segnalato dai servizi sociali. Nulla di strano. «Quel giorno ne sono stati rimandati indietro altri dodici, dopo di lui - prosegue Feltrin -, per gli stessi motivi. Mi viene da domandarmi: quest'uomo dice di essere senza lavoro da cinque anni, allora perché non si era ancora rivolto ai servizi sociali? Se una persona dimostra di avere davvero bisogno noi l'aiutiamo, non ci tiriamo indietro». D'altra parte per l'associazione reperire le risorse per le attività e il volontariato sul territorio non è facile. «Il pubblico non aiuta - prosegue Feltrin -e tutto ci deriva dagli eventi che organizziamo, dal servizio di autoambulanza e dalle donazioni. Ma abbiamo spese molto alte da sostenere, basti pensare che solo di affitti tra Belluno e la sede di Feltre paghiamo oltre 33mila euro l'anno».

Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 18:18