Il paese si risveglia invaso dal fiume
di melma: assi e lamiere per argini

PER APPROFONDIRE: alluvione, belluno, comelico, maltempo
Il paese si risveglia invaso dal fiume
di melma: assi e lamiere per argini

di Yvonne Toscani

BELLUNO - Dopo la notte passata a liberare la via Mazzini di Mare, invasa dal fiume di melma sceso dal costone sotto San Pietro, gli abitanti guardano avanti: le previsioni non promettono nulla di buono, come la frattura in alto, a pochi metri dalle case dei "Cesco Rosso" e "Pontil Scala", e così ci si organizza per salvare le abitazioni, cioè una vita di sacrifici, per alcuni anche da emigrante Oltreoceano.











Il primo pomeriggio è stato tutto un puntellare di assi e lamiere lungo entrambi i lati, creando argini protettivi. Contemporaneamente, in alto, i vigili del fuoco hanno coperto la frana con quattro enormi teli. Va salvato ciò che è a monte e a valle, ai due limiti di quella lunga e larga striscia di fango. «In caso di pioggia - afferma il vicesindaco, Ileana De Bernardin - è già pronta l'ordinanza di evacuazione della casa di Mare più esposta, come già accaduto sabato sera».









Lunedì 11 Agosto 2014, 11:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il paese si risveglia invaso dal fiume
di melma: assi e lamiere per argini
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2014-08-12 10:31:02
Danni ma non catastrofi! Ma quale rimboschimento! Fra poco gli alberi entrano nelle abitazioni qui in Comelico caro Rossog, il motivo è che simili temporali sono di una intensità di cui non eravamo abituati. Bombe d\'acqua che nessuno ricorda fossero avvenute nel passato. E, tanto per tranquillizzare, io che abito qui non vedo la devastazione che giornali e TG alimentano solo per fare odience! Tutte le strade sono perfettamente percorribili eccetto una galleria chiusa per precauzione ma c\'è un percorso alternativo. Finiamola con questo terrorismo mediatico per favore!
2014-08-12 09:48:48
x ROSSOG: con l\'esercito assurdo di forestali che abbiamo rischi meno a fare una rapina in banca che tagliare un albero nel bosco... provare per credere.
2014-08-12 09:26:43
c\'è da fare Parecchio , ci sarebbe lavoro per tanti. Montanari da prendere esempio: tutti con badile e piccone e martello e tavole!Dopo l\'inverno scorso..si meritavano di più dal clima e dalla regione Veneto.Ma gli Alpini in ferma breve ( 1 o 4 anni) poi che fine fanno? non potrebbero impiegarli?
2014-08-11 15:29:17
una volta... i boschivenivano puliti dai montanari perchè ? proprio perchè nel momento in cui i ruscelli si ostruiscono si formano sacche che poi filtrano capillarmente nel terreno e creano gli smottamenti, inoltre son convinto ,non sicuro, ma abbastanza convinto che anche la politica di rimboschimento abbia le sue responsabilità in questi casi, le radici degli alberi sostengono la montagna, se non c\'è una politica corretta di gestione del bosco prima o poi il terreno cede.