Nuova Guinea, folla inferocita picchia e brucia quattro donne: erano accusate di essere streghe

PER APPROFONDIRE: bruciate, donne, streghe
Folla inferocita picchia e brucia 4 donne: erano accusate di essere streghe

di Federica Macagnone

Le hanno spogliate, legate mani e piedi, hanno bruciato la loro pelle e le hanno picchiate: quella che arriva dalla Papua Nuova Guinea è solo l'ultima notizia, in ordine temporale, che riguarda le pratiche di tortura applicate su donne accusate di stregoneria.



Questa volta le vittime sono quattro, tutte accusate di aver “invisibilmente” estratto il cuore di un uomo nella provincia di Enga: dopo poco, secondo il racconto di alcune persone di un piccolo villaggio, la vittima di questa pratica si sarebbe ammalata e si sarebbe ripresa solo quando le “streghe” sono state arrestate e l'incantesimo è stato sciolto.



In un video choc pubblicato on line le donne vengono minacciate con un machete e vengono interrogate dai loro aggressori. «Figlio mio, smettila! - implora una donna – Non ho nulla a che fare con tutto questo. Sono una madre con cinque figli». Secondo il Guardian, almeno una delle quattro vittime sarebbe morta in seguito alle torture.



La tortura e l'omicidio legati alla stregoneria sono da molti anni un problema per l'isola: queste credenze sono forti nel Paese, in particolare nelle Highlands, anche se è stato osservato che con l'aumento dei matrimoni misti e le migrazioni, le credenze si stanno diffondendo in aree dove prima non avevano attecchito. Senza contare l'ultimo fenomeno dilagante: nell'ultimo periodo, infatti, si sta facendo avanti la pratica di filmare e pubblicare on line le violenze.



«Sono persone che partecipano ai massacri, riprendono le scene e poi si vantano di ciò che hanno fatto. Molti sono studenti che fanno girare queste immagini sui loro smartphone: non sono scandalizzati, anzi, approvano questi massacri giustificando le ragioni di chi li mette in atto. Quando provi a farli ragionare chiedendo loro delle prove, ti risponderanno che sono invisibili: non c'è alcuna logica – ha raccontato al Guardian Australia un uomo impegnato nei salvataggi delle vittime – Per le vittime non c'è mai il modo di dimostrare di essere innocenti, una volta che si finisce per essere sospettati si verrà torturati e, in molti casi, anche uccisi».



L'ultimo incidente è solo uno dei numerosi atti di violenza legati alle accuse di stregoneria e la rabbia aumenta ogni giorno di più nel Paese per i numerosi aggressori che restano impuniti.



A maggio una donna di nome Mifila venne sottratta dalla polizia, insieme ad altre tre donne, ai "cacciatori di streghe" che volevano ucciderla: questo, però, non bastò a salvarla dalla follia omicida, visto che poco tempo dopo fu trovata assassinata. «Era stata accusata di magia nera e dunque gli abitanti del villaggio erano convinti che qualunque morte dipendesse da lei - ha detto Epenes Nili, vice comandante della polizia della provincia di Enga - Questa menzogna è bastata per assassinarla».



Nonostante la buona volontà di alcuni funzionari come Nili, finora non ci sono stati stato arresti o condanne per quell'omicidio.



«È molto difficile per la polizia agire quando tutta la comunità è coinvolta, e non c'è nessun testimone. Nella nostra cultura melanesiana molte persone, anche molto istruite, credono nella stregoneria – ha detto l'uomo politico Samuel Basil – È molto difficile, oggi, combattere questa mentalità, ma ho intenzione di portare alcune proposte in Parlamento affinché ci siano leggi più severe. Inoltre bisogna aumentare la polizia per far rispettare le leggi ed educare le persone».

Venerdì 23 Ottobre 2015, 17:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nuova Guinea, folla inferocita picchia e brucia quattro donne: erano accusate di essere streghe
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2015-10-26 10:33:20
per fortuna queste "culture" sono lontanissime da noi se non cronologicamente (roba da medioevo) almeno geograficamente (estremo oriente, oceania)