Festa per "nonno" Giovanni: a 109 anni è il carabiniere più longevo d'Italia

La festa di oggi a Bassano del Grappa
BASSANO DEL GRAPPA - Grande festa oggi a Bassano per il compleanno dell’appuntato dei carabinieri Giovanni Quarisa, che ha spento 109 candeline. Il nonnino, il più longevo in Italia dell'Arma e in assoluto uno dei più anziani in Veneto, ha ricevuto gli auguri  dei Cc, rappresentata dal comandante interregionale "Vittorio Veneto”, Generale di Corpo d’Armata Aldo Visone, il comandante provinciale di vicenza col. Alberto Santini, il comandante della compagnia di Bassano cap. Adriano Fabio Castellari, mentre la città era rappresentata dal  sindaco Riccardo Poletto, oltre ad una rappresentanza dell’Associazione nazionale carabinieri ed ai parenti.

Numerosi i doni per celebrare il traguardo dell’appuntato Quarisa: una moneta commemorativa della Virgo Fidelis con lettera di auguri da parte del comandante generale dei  carabinieri, Generale di corpo d’armata Giovanni Nistri; il crest del comandante interregionale accompagnato da una lettera di congratulazioni; un   piatto in ceramica che raffigura presente e passato dell’arma, dono del comandante provinciale.

Classe 1909, arruolatosi nel 1929, Quarisa partì per il fronte a Spalato nel 1941 e dal 1943 al 1945 fu internato in un campo di prigionia a Dubrovnik. Nel 1945, terminata la guerra, venne liberato e fece ritorno, a piedi, in Italia. Il "nonnino" dei carabinieri si è detto commosso per tanto affetto, affermando di essere pronto per il prossimo traguardo, quello dei 110 anni.  Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Centrali idroelettriche, a rischio taglio la principale fonte di energia rinnovabile del Veneto
Steve Quintino, tracce di droga nel sangue: «Mamma, ci vediamo in paradiso»
Prove di rinascita, in centro aprono nuovi locali: una croissanteria e un temporary shop
Morto Cimolai, imprenditore «partito senza una lira in tasca». Il figlio: «Papà mi ha lasciato di domenica per non farmi smettere di lavorare un giorno»
Irpef, il Veneto pronto a mettere l'addizionale: nelle casse arriverebbero 300 milioni di euro