Veneziani con la pelle nera

LA STORIAI mori di Venezia esistevano eccome, e non sono quelli che battono le ore. Le testimonianze di africani presenti nella Dominante sono numerose, a cominciare dal gondoliere nero immortalato da Vittore Carpaccio nel Miracolo della reliquia della croce, dipinto attorno al 1498. Solo in due casi, entrambi settecenteschi, sappiamo chi questi mori fossero: uno è Lazzaro Zen, ritratto da Francesco Guardi nel 1770 e l'altro è Alì, servitore di Giambattista Tiepolo, rappresentato nel 1757 dal figlio Giandomenico in una sala della foresteria...

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain