Sergio Fiorentino a vent'anni dalla morte

I due pianisti italiani più eminenti del secondo Novecento sono forse i quasi coetanei Arturo Benedetti Michelangeli e Sergio Fiorentino (nella foto). Michelangeli incarnava un originale neoclassicismo intriso di abbacinanti estetismi; Fiorentino, la rievocazione di una temperie tardoromantica, retrospettiva ma avvincente nella reviviscenza di un costume ottocentesco. Mentre, nonostante la riservatezza del carattere, Michelangeli toccò una popolarità mitica, il pianista napoletano rimase ai margini del gran giro concertistico...

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain