Orrore e choc in azienda: «No, non ci crediamo»

I COLLEGHIGAIARINE La notizia dell'arresto di Blerta arriva come un terremoto alla 4-noks srl, l'azienda di Francenigo dove lavorava la 28enne accusata dell'omicidio della sorellina, della mamma e del papà. A comunicarla via telefono è Il Gazzettino: «Sta scherzando? Mi sento male. Mamma mia non so che dire». Sono queste le prime parole pronunciate dalla dirigente che, con la voce rotta dallo stupore e dall'orrore, chiama nel suo ufficio i dipendenti. Blerta era segretaria nel ramo commerciale dell'azienda. Lavorava a Francenigo dal 2014 e...

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain