All'asta il bastone del Doge Loredan

IL REPERTO
La stima oscillava tra i 3mila e i 5mila euro. Ma, pur di aggiudicarsi il bastone da comando del Doge Pietro Loredan, un anonimo compratore è arrivato a spendere otto volte tanto. Per la precisione 43.750 euro. È il prezzo battuto lunedì a Parigi all'asta di Christie's, dove era stata presentata la Collezione Juan de Beistegui, 155 pezzi che hanno fruttato quasi 8 milioni di euro. Tra cui il prezioso bastone del Doge Loredan, datato 1570.
LA STORIA
Nato nel 1482, Pietro Loredan fu l'84° Doge della Repubblica di Venezia dal 26 novembre 1567 fino alla morte. Fu eletto in età avanzatissima, a 85 anni, e il suo dogado trascorse tranquillo fatto salvo l'ultimo periodo quando giunse a Venezia un ultimatum turco che chiedeva la cessione di Cipro. Pietro Loredan, nonostante imperversasse una pesante carestia e nonostante L'Arsenale fosse stato semidistrutto, rispose: «La giustizia ne darà la spada per difender i nostri diritti e Dio el so santo ajuto per resister co' la razon a la forza e con la forza a la vostra ingiusta violenza». Vennero varate 100 navi tra galee e galeazze. Ma il Doge non ebbe modo di veder ultimata la flotta perché morì il 3 maggio 1570.
Il bastone da comando battuto lunedì all'asta ha le estremità incise. Da un lato c'è il Leone di San Marco, emblema di Venezia, con il motto Pax tibi, Marce, Evangelista meus. Altre due iscrizioni latine evocano il potere e il prestigio di Pietro Loredan. Realizzato in tartaruga, foglia d'oro, bronzo dorato e cesellato, questo bastone da comando conferma lo status speciale del suo proprietario. Tra i 155 pezzi della Collezione Juan de Beistegui, il bastone del Doge Loredan era il numero 68. (al.va.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain