Straniero entra in negozio e abusa della titolare: con gli odori di una boccetta l'aveva stordita. Arrestato, lei non ricordava niente

L'uomo, 45 anni, aveva tentato in paese lo stesso approccio con altre due donne

Straniero entra in negozio e abusa della titolare

BASSA PADOVANA - I Carabinieri della Compagnia di Abano terme hanno arrestato per violenza sessuale aggravata M.A., pakistano di 45 anni. Il 30 novembre in mattinata è entrato nel negozio di una trentenne dalla Bassa padovana e, approfittando del fatto che fosse sola, si è finto un rappresentante e ha abusato di lei. In particolare le ha fatto odorare il contenuto di una boccetta e ha bruciato alcuni filamenti, riuscendo a stordirla. Poi l’ha baciata, abbracciata e palpeggiata per quasi un’ora, fuggendo solo quando è entrata una cliente.

La vittima, che non ricordava nulla, si è resa conto dell’accaduto solo guardando le riprese delle telecamere interne. A quel punto ha sporto denuncia il 2 dicembre. Quello stesso giorno i Carabinieri sono riusciti ad arrestare il pakistano, che era tornato ad aggirarsi nel paese della donna, dove avrebbe tentato lo stesso approccio con almeno altre due donne. Sono in corso accertamenti tecnici sul materiale trovato in suo possesso per capire quali sostanze possa aver usato per stordire la vittima. I Carabinieri fanno un appello affinché chi possa aver subito analoghi episodi si faccia avanti, dal momento che il 45enne prima di arrivare a Padova aveva vissuto anche in Sicilia e nel Milanese.

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Salvini: «Squadra di governo resti e Mattarella bis» Colloquio di mezz'ora tra Draghi e capo dello Stato Settima votazione in corso, FdI su Nordio Live
La delusione di Elisabetta Casellati: «Io offesa e tradita, hanno riversato su di me le divisioni tra i partiti»
Larve nella cioccolata Venchi alle nocciole: due manager finiscono nei guai
Covid in Veneto, 15.631 i nuovi contagi e 36 morti nelle ultime 24 ore. Attualmente positivi 253.372 cittadini Il bollettino
Quei medici di base e pediatri che non fanno né tamponi né vaccini ai pazienti, e ora vogliono anche scioperare