La sfida folle degli studenti sui binari: attendono l'arrivo del treno fino all'ultimo istante

Segnalazioni giunte anchein Comune, la Polfer ha già avviato contrlli e monitoraggi per evitare assurde tragedie

Folle sfida sui binari al treno in una foto della Polizia di Stato
VILLORBA - Attraversano i binari per non usare il sottopassaggio pedonale. E qualcuno arriva addirittura a sfidare i treni in arrivo, togliendosi solo all'ultimo istante....

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilgazzettino.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

VILLORBA - Attraversano i binari per non usare il sottopassaggio pedonale. E qualcuno arriva addirittura a sfidare i treni in arrivo, togliendosi solo all'ultimo istante. Sono a dir poco pericolosi i comportamenti tenuti da alcuni studenti nella stazione dei treni di Lancenigo. Tanto che sono già fioccate le segnalazioni da parte di un gruppo di genitori. E altri ragazzi le confermano appieno: «Alcuni si mettono proprio in mezzo ai binari - rivelano - sono atteggiamenti stupidi. Anche se vengono ripresi, però, non ascoltano e continuano a comportarsi nello stesso modo». Il timore è che possano prendere forma delle insensate prove di coraggio. Una sorta di challenge, le ormai famigerate sfide da social network. La stazione di Lancenigo è regolarmente affollata da oltre mille studenti che frequentano il vicino campus delle superiori, dove tra le altre scuole ci sono anche l'istituto Planck e l'alberghiero Alberini.

LA PREVENZIONE
«Sicuramente dietro a questi comportamenti ci sono dei disagi - chiarisce Emanuela Pol, preside del Planck -, da parte nostra, cerchiamo sempre la collaborazione delle famiglie». E sono già stati diversi i colloqui con i genitori. A scuola si lavora in primis sul fronte della prevenzione. «La polizia ferroviaria è già impegnata in attività di educazione all'interno delle classi - continua la dirigente scolastica -. Allo stesso tempo, cerchiamo di agire sugli studenti più grandi, in particolare su quelli di quinta, per fare in modo che possano in qualche modo assumere il ruolo di tutor». Come se fossero dei fratelli maggiori. «Però ancora non basta», allarga le braccia Pol.

I CONTROLLI
In passato anche il Comune di Villorba aveva ricevuto segnalazioni di comportamenti non adeguati dei ragazzi nella stazione di Lancenigo. Queste ultime, in particolare, riguardavano soprattutto studenti che per far prima attraversavano direttamente i binari, saltando da una piattaforma all'altra, per non dover fare il giro per il sottopassaggio. Sempre più spesso, poi, gruppi di ragazzi attendono l'arrivo dei treni sul ciglio della piattaforma, infischiandosene della linea gialla di sicurezza. Anche per questo il municipio ha definito dei controlli da parte della polizia locale. «Gli agenti passano spesso in stazione nelle ore in cui arrivano gli studenti - sottolinea Francesco Soligo, sindaco di Villorba - e la polizia locale opera affiancando la polizia ferroviaria, sia al mattino, quando arrivano gli studenti, che di pomeriggio, quando escono da scuola». Il tratto di ferrovia tra Lancenigo e Treviso negli ultimi sei anni è diventato sempre più importante. Prima del 2016, infatti, il collegamento tra la stazione centrale del capoluogo e il campus scolastico era garantito da 12 bus navetta. L'accordo tra Trenitalia e la società dei bus e delle corriere Mom, uno dei primi nel suo genere, di fatto ha permesso a oltre mille studenti di raggiungere gli istituti e di tornare verso casa direttamente in treno. Di fatto senza più bus navetta. L'importante è che gli atteggiamenti tra i binari non vadano oltre le righe.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
I facoltosi della Treviso bene clienti della banda della "coca". Chi sono i professionisti dell'asse del Terraglio
Caro energia, a Nordest le bollette di gas e luce più care d'Italia: aumenti del 118 per cento.
Multato con l'autovelox: deve pagare il Comune, ricco risarcimento per l'automobilista.
Scontro violento tra due auto, volontario muore in serata a pochi metri da casa
Mestre, raid sulle auto in sosta: cinque casi, finestrini rotti e abitacoli rovistati